Ieri sera, relegate sulle reti Rai Sport 1 e 2, andavano in scena le Paraolimpiadi. In gara, tra i tanti, anche Annalisa Minetti, già Miss e cantante, che da un paio di anni si cimenta con lo sport. La corsa è quella dei 1.500 metri piani per le categorie T11 e T12. Gara unificata per ipovedenti (T12) e non vedenti (T11). Annalisa corre benissimo, arriva terza e stabilisce il nuovo record del mondo per la categoria T11, poichè oro e argento vanno ad atlete della categoria T11. Sul podio lei e il suo atleta-guida Andrea Giocondi, atleta olimpionico nel 1996, ricevono la medaglia di bronzo.

Fin qui non sembra difficile, però al Corriere (sezione Salute e non Sport!) sembra che seguano i Giochi Paraolimpici con discreta superficialità tanto da scrivere:

Fortuna che almeno alla Gazzetta dello Sport non sbagliano e sono più precisi non confondendo il record del mondo con una medaglia d’oro. E dire che se solo al Corriere si fossero degnati di guarda la gara avrebbero sentito i commentatori disquisire più volte sul problema dell’unione tra categorie di disabilità diverse che arriva a penalizzare, sul podio, chi ha un’invalidità più grave.

Aggiornamento 6/9/12

Il Corriere ha cambiato il titolo (naturalmente senza segnalare che aveva sbagliato)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *