Haiti non sembra aver pace. Con tre anni di ritardo ad ottobre si sarebbero dovute celebrare le elezioni legislative per due terzi del Senato (20 senatori), tutta la Camera e varie figure locali. Parlo al passato perchè nonostante la data prevista sia il 26 ottobre, non esiste alcun segno di campagna elettorale. Il problema è che il Presidente Michel Martelly, che non ha la maggioranza in Parlamento dopo le controverse elezioni del 2011, punta a cambiare la legge elettorale. Diversi senatori si stanno però opponendo a questo cambio e le riunioni con i partiti dell’opposizione stanno continuamente saltando.

Il primo ministro Laurent Lamothe ha dichiarato che se la situazione non si sblocca il 12 gennaio 2015 verrà sciolto il Parlamento e il Presidente continuerà a governare per decreto fino alla convocazione delle elezioni, a questo punto con la legge elettorale cara al presidente stesso. La situazione è calda perchè alcuni settori della società, tra cui la Chiesa e il partito dell’ex presidente Aristide (cacciato con un colpo di stato nel 2004), denunciato la deriva autoritaria. Inoltre vi è una contestazione rispetto alla data del 12 gennaio, infatti la costituzione prevede un mandato di 6 anni per i parlamentari, ma nel 2009 la proclamazione degli stessi avvenne a settembre e non a gennaio, i sei anni, quindi scadrebbero il prossimo autunno, e questa è l’interpretazione del Presidente del Senato.

La tappa intermedia potrebbero essere le elezioni municipali convocate per il 28 divembre.

Se la situazione non dovesse migliorare ci si può aspettare che nel prossimo futuro nuovi disordini di carattere politico possano sconvolgere il paese che non sta certo in buona salute non essendosi mai ripreso dal terremoto del 2010. Questa incertezza ha spinto l’ONU a rinnovare oggi per un altro anno la missione MINUSTAH nonostante il parere contrario dello stesso governo haitiano. I caschi blu presenti sono però dimezzti passando da 5.100 a 2.400, crescono i poliziotti che saranno 2.600.

Tagged with:
 

Ricordate la notizia dello scorso maggio? Ritrovato il relitto della Santa Maria di Cristoforo Colombo.

La cosa mi è sembrata subito strana perchè la nave, affondata nei pressi di Haiti, era stata completamente smantellata per costruire il Fuerte Navidad, il primo insediamento lasciato dagli spagnoli in terra americana. Cannoni, legna, risorse e tutto quello che era possibile asportare era stato asportato e il resto è rimasto alla portata di chiumque perchè la secca su cui la nave si era arenata non era molto profonda.

Ma la notizia era troppo ghiotta per i giornali italiani per non lanciarla in prima pagina. Una settimana fa è arrivato il responso degli esperti dell’UNESCO, chiamati dal governo haitiano per fare chiarezza:

La barca non è la Santa Maria ma una nave molto più nuova, infatti, la tecnica di costruzione che fa risalire questa nave alla fine del XVII o al XVIII secolo e non al XV o XVI secolo.

Nei giornali difficile trovare la notizia della sconferma. Intanto sarebbe anche stata una buona occasione per ricordare che le caravelle di Colombo erano due e non tre, la Niña e la Pinta, la Santa Maria, infatti, era una caracca.

E c’è chi ha fatto di meglio, confondendo Haiti con le Bahamas

santa

Tagged with:
 

Il presidente di Haiti saluta l’ex dittatore Duvalier. Dopo la sua morte Martelly ha twittato “Nonostante i nostri litigi e le nostre differenze, saluto la partenza di un vero e proprio figlio di Haiti.”

Sabato scorso è morto a 63 anni a Port au Prince l’ex dittatore haitiani Jean-Claude Duvalier, detto “Baby Doc”.

Per chi non avesse letto “Haiti: l’isola che non c’era“, ecco un breve ripasso di storia haitiana.

L’ex dittatore, ereditato il potere nel 1971 da suo padre, François Duvalier, a 19 anni e si dichiarò Presidente a vita prima di essere spodestato nel 1986 da una rivolta popolare sostenuta anche dalla comunità internazionale.
Come suo padre “Papa Doc”, “Baby Doc” ha esercitato il potere con pugno di ferro nel paese, mettendo a tacere l’opposizione e arrestando e eliminando i dissidenti, supportato milizia paramilitare chiamato “Tonton Macoute”. Si stima che circa 30.000 persone sono state uccise durante l’era Duvalier. Nel 1980, il suo matrimonio a Parigi costò 3 milioni di dollari, tuttora il più caro mai realizzato al mondo. Sotto il suo governo Haiti divenne l’epicentro di diffusione dell’AIDS e del traffico di cocaina.
Anche se il governo francese ha rifiutato ufficialmente ad accettarli, i Duvalier si stabilirono in esilio in Costa Azzurra. Secondo la rivista Time, Baby Doc ha passato il tempo alla guida della sua Ferrari rossa avanti e indietro da Cannes.
Dopo un esilio volontario di 25 anni in Francia, ‘Baby Doc’ ha scelto il primo anniversario del devastante terremoto del 2010 per tornare ad Haiti come semplice cittadino. “Sono venuto per aiutare“, ha detto al suo arrivo a Port-au-Prince il 16 gennaio 2011. In quel periodo ci si trovava tra il primo e il secondo turno delle elezioni presidenziali, il candidato del presidente uscente Celestin era accusato di brogli elettorali e Duvalier, si dice, fece molta pressione per la sua esclusione dal ballottaggio, cosa che avvenne e permise a Martelly di correre per la presidenza e vincere. Da allora Duvalier non ha ricoperto incarichi ufficiali ma la vicinanza dell’attuale governo haitiano e del presidente Martelly con Duvalier non è mai stata troppo nascosta. Lo stesso presidente, affermato cantante di kompa, si era esibito per Duvalier prima della fine della dittatura. Negli ultimi anni si erano vista aggirarsi per la capitale haitiana gruppi armati che richiamavano nei modi e nei vestiti i terribili “Tonton Macoute”.

L’influenza su Haiti dei Duvalier non si esaurisce però nella figura di Baby Doc, infatti molte figure di rilievo della dittatura ricoprono ora ruoli di importanza strategica dell’economia del paese caraibico. Un esempio su tutti il rappresentante Monsanto ad Haiti è Jean-Robert Estimé, che è stato Ministro degli Esteri sotto la dittatura della famiglia Duvalier, che è durata 29 anni.

La beffa per il popolo haitiano è che il Presidente Martelly ha dichiarato che i funerali di Duvalier saranno funerali di stato in quanto si tratta di un ex-presidente. Si cancellano così, non solo le violenze, gli omicidi e tutte le violazioni dei diritti umani perpetrati durante la dittatura, ma anche il furto che Baby Doc realizzò contro il suo stesso stato al momento di lasciare il potere. Jean-Claude Duvalier aveva messo al sicuro in svizzera i proventi della sua gestione del potere: 6,2 milioni di dollari! Haiti è uno dei cinque paesi più poveri al mondo, quella quantità di soldi equivaleva a 5 anni di Prodotto Interno Lordo dell’intera nazione.  Ad oggi, nonostante nel 2011 sia stata approvata in Svizzera la cosiddetta legge Duvalier, quei soldi non sono tornati ad Haiti poichè, reintrando nel paese ha aggirato le nuove norme svizzere che si riferiscono solo a leader in esilio dai loro paesi.

La morte di Duvalier mette fine alle centinaia di cause legali intentate da familiari delle vittime e da organizzazioni per i diritti umani. Senza che giustizia sia stata fatta.

L’unica reazione straniera registrata è quella del Dipartimento di Stato USA che ha dichiarato:

The United States notes the death on October 4th of former Haitian president and extend condolences to his family.

Aggiornamento dell’8 ottobre
Il Governo haitiano, secondo TeleSur, ha cancellato i funerali di stato dopo le proteste delle vittime della dittatura. Fonte.

Tagged with:
 

L’ex nunzio Jozef Wesolowski, sotto inchiesta per pedofilia, e già condannato allo stato laicale, è stato arrestato oggi in Vaticano. L’alto prelato è accusato di abusi sessuali nei confronti di minori effettuati mentre era presente in Repubblica Dominicana, ma, essendo rappresentate diplomatico, lo stato dominicano non aveva mai potuto procedere con la richiesta d’arresto e il mandato internazionale firmato da un giudice era stato ritenuto nullo.

A giugno si era concluso il primo grado di processo canonico presso l’ex Sant’Uffizio con una condanna alla dimissione dallo stato clericale. Ma il prelato era libero di circolare per le strade di Roma e per l’Italia. Papa Francesco aveva comunicato che si sarebbero prese misure restrittive della libertà del prelato ma fino ad oggi non era chiaro quali fossero. Jozef Wesolowski è stato arrestato dagli agenti della Gendarmeria vaticana, e si troverebbe nelle carceri vaticane.

Il Nunzio era stato nominato per la Repubblica Dominicana, Porto Rico, Haiti, da papa Benedetto XVI nel 2008. La sua destituzione un anno fa, in pieno periodo estivo, aveva destato sospetti, poi svelati da un’inchiesta giornalistica dominicana. Secondo la giornalista Nuria Piera almeno in un’occasione, il nunzio apostolico si sarebbe appartato in una stanza di hotel con diversi ragazzi, mentre nella stanza accanto un altro prete polacco, ora fuggito in Polonia, faceva altrettanto.

Casi di Chikungunya fino al 2006

Da febbraio, circa, in Repubblica Dominicana è arrivata una nuova parola che tutti conoscono e temono: Chikungunya.

Si tratta di una febbre virale trasmessa dalle stesse zanzare che trasmettono il dengue. Come questo provoca temperature molto alte e macchie sulla pelle, ma a differenza del dengue non è mortale e ha altri sintomi che possono variare da persona a persona. Il più fastidioso di questi è il dolore alle articolazioni che può impedire d’alzarsi dal letto per diversi giorni, diarrea, mal di testa, prurito, inappetenza. I sintomi durano una settimana circa e possono ripetersi a distanza di tre/quattro settimane e anche di qualche mese. L’unica cura possibile è paracetamolo e antidolorifici, oltre ad un’abbondante idratazione. Una volta fatta dovrebbe dare immunità per sempre.

Si tratta di una malattia presente in Africa e Asia, ma sconosciuta fino a qualche mese fa nella zona dei Caraibi. Come sia arrivata in Repubblica Dominicana non è noto e i tempi per la sua identificazione sono stati molto lunghi. Ciò a fatto si che si diffondesse senza la possibilità di studiare misure di contenimento e di quarantena per le persone infette, infatti il contagio avviene per mezzo di una zanzara che punge un malato e successivamente una persona sana. Nel giro di sei mesi circa l’80% della popolazione, secondo alcuni studi, è stata colpita da questa malattia e non stento a crederlo visto che ogni famiglia che incontro ha una lista lunghissima di persone che sono passati per questo suplizio, anche se la maggior parte non è andata in alcun centro medico per avere la certezza.

Settimana scorsa ci sono passato anch’io. Per non sentirmi diverso dai dominicani, credo.

Questa epidemia è qualcosa di inevitabile? Molti stati della regione hanno preso misure che hanno ridotto al massimo la diffusione del virus: Cuba ha avviato un processo di monitoraggio di tutte le persone che entrano al paese provenienti dalla Repubblica Dominicana, il Costa Rica ha bloccato l’accesso di dominicani, il Messico ha allertato specifici operativi medici, e così via… infatti l’unico altro stato ad essere stato colpito è Haiti, sia per la presenza di una frontiera terrestre, sia per le condizioni precarie che impediscono attività preventive. In Repubblica Dominicana però si sarebbe potuto fare molto di più per limitare o rallentare la diffusione della malattia che ha avuto un impatto altissimo sulla vita sociale ed economica del paese. Si sarebbero dovute fare campagne di sensibilizzazione sull’uso del repellente contro le zanzare (qui molto poco utilizzato) e sulla cura delle fonti d’acqua domestiche (è uso tenere barili d’acqua pulita vicino a casa, luogo perfetto per il proliferare della zanzare del dengue). Si sarebbero dovute fare azioni di disinfestazione massiccia e straordinaria, prove mediche gratuite per l’individuazione del virus, corsie preferenziali negli ospedali per le persone infette e in situazioni di rischio (bambini e anziani in particolare).

Nulla di tutto ciò è stato realizzato, si è continuato come se l’epidemia non esistesse e si fanno conferenze internazionali per evitare l’arrivo dell’ebola, dimenticandosi di una situazione che, è vero che non lascia morti, ma sta mettendo a dura prova una popolazione che si sta arrangiando come può con automedicazioni e interventi lenitivi.

Intanto le autorità sanitarie italiane hanno emanato una circolare per preallertare tutti gli ospedali, se tornate dai Caraibi con febbre sappiate che vi aspetta una quarantena per evitare che la zanzare tigre porti la cara Chikun anche nelle campagne lombarde… e vi assicuro che non sarebbe una bella esperienza!

Tagged with:
 

2014-09-03 18.31.07Dopo circa un mese e mezzo in Repubblica Dominicana troviamo il tempo per raccontare un po’ quello che abbiamo fatto e che progetti ci terranno in queste terre per i prossimi due anni.
Quando, qualche mese fa, abbiamo iniziato a ragionare su una possibile esperienza da queste parti avevamo chiare ben poche cose: che ci saremmo trovati a casa con una famiglia e degli amici contentissimi di averci più vicino per un po’, che Darien avrebbe trovato un ottimo ambiente dove muovere i primi passi, letterali e non, e che non ci sarebbero mancate le possibilità di spendere le nostre competenze in qualcosa che sarebbe stato utile alla crescita dei progetti sociali che ben conoscevamo.

Prima di metterci completamente a sistema nelle organizzazioni in cui lavoreremo abbiamo usato il mese di agosto per quadrare la logistica, comprare un’auto, cercare casa, e non è stata un’impresa semplice, e accompagnare il gruppo di giovani di ColorEsperanza che, come ogni anno, ha realizzato il viaggio di conoscenza e volontariato in Repubblica Dominicana.
La casa, dicevamo, ci ha portato via un po’ di tempo perchè le nostre richieste erano un po’ complicate: una casa sicura, non in centro Salcedo, ma neanche isolata, con dei vicini, ma non rumorosi, che avesse i servizi di luce e acqua abbastanza regolari, con la possibilità di avere una linea telefonica, con un po’ di giardino, non lontano dalle linee di trasporto pubbliche, per dire solo alcuni dei requisiti. Alla fine, qualche giorno fa, l’abbiamo trovata, forse anche troppo bella, non ci lamentiamo per questo… c’è anche una stanza per accogliere gli amici che verranno a visitarci.

Ma dove siamo? Giusto, siamo nella provincia Hermanas Mirabal, la più piccola della Repubblica Dominicana, nel centro nord dell’isola, a meno di un’ora da Santiago de los Caballeros, dove abita la famiglia di Gladis, e a circa un’ora e mezza dal mare più vicino. È una zona, fondamentalmente, di campagna con ancora vaste aree dedicate all’agricoltura e all’allevamento. I tre municipi che compongono la provincia hanno delle aree urbane molto piccole e poi si snodano in moltissime comunità rurali e montagnose. È una zona tranquilla e verde.

Cosa faremo da queste parti lo stiamo capendo a poco a poco, ma qualcosa è già definito.
Gladis assumerà il coordinamento di due centri dedicati al sostegno di bambini disabili e non. Si tratta di un progetto che lavora da anni rafforzando i percorsi scolastici di bambini con diverse difficoltà, dall’autismo alla sindrome di Down, dalla sordità a problemi di comportamento. L’obiettivo del suo lavoro sarà quello di aiutare la struttura a cambiare il paradigma di intervento passando da un approccio scolastico ad uno più pedagogico: destrutturare gli spazi, definire percorsi individualizzati, promuovere le visite famigliari e il lavoro con i genitori, aprire il centro a tutti i bambini, abbiano o meno una disabilità.
Roberto invece avrà un doppio incarico all’interno dell’ufficio di pianificazione provinciale. Si tratta di una struttura che si incarica di sostenere lo sviluppo socio-economico della provincia, aiutando diversi centri a crescere e a migliorare le proprie attività. Copre diversi ambiti, dal carcere alla salute mentale, dall’infanzia agli anziani, dalle vittime di violenza domestica ai giovani, dall’istruzione alla difesa dell’ambiente. All’interno di questo ufficio dovrà occuparsi della scrittura di progetti e di ricerca di risorse, oltre che di curare l’avanzamento dei progetti già attivi. Avrà inoltre un ruolo di raccordo, per quanto riguarda la Provincia, per alcuni progetti speciali della Presidenza della Repubblica: la creazione di una rete di nidi pubblici e di centri comunitario di supporto all’infanzia e alla famiglia e la realizzazione di un programma di lotta all’analfabetismo degli adulti.

Insomma, di cose da fare ne avremo parecchie e non correremo certo il rischio di annoiarci!

Nel frattempo Darien, dopo aver festeggiato i suoi primi 11 mesi di vita, ha iniziato l’asilo con uno stille tutto locale: entrando per una finestra! Si è subito ambientato a stili di vita un po’ diversi, a camminare, gattonare, a terra su superfici molto più naturali, a fare incontri ravvicinati con animali domestici inusuali in italia come le galline o le faraone. Soffre ancora un po’ il caldo, ma adesso andiamo verso la stagione più fresca e dovremmo scendere sotto i 30 gradi.

Pochi giorni fa è stato pubblicato il Regolamento di applicazione ad una legge fortemente voluta dal Presidente della Repubblica Dominicana Danilo Medina che mette fine alla vergogna nata dalla decisione della corte costituzionale di togliere la nazionalità dominicana a tutte le persone nate da genitori che si trovavano in situazione di immigrazione clandestina.

La vicenda, di cui avevo parlato qui, aveva, di fatto, creato una situazione per cui oltre 250.000 persone nate in Repubblica Dominicana, in stragrande maggioranza da genitori haitiani, si vedevano da un giorno all’altro disconoscere i propri diritti civili. La nuova legge, quasi imposta dal Presidente al Parlamento, prevede la possibilità, nei prossimi 90 giorni, per tutti quelli che lo desiderano, di chiedere la naturalizzazione portando documenti o testimoni che certifichino la loro nascita in terra dominicana.

Con la legge e il regolamento annesso si chiude una pagina triste per la giuridizione dominicana, e per centinaia di migliaia di persone che per mesi sono rimasti nel vuoto legale più assoluto perdendo anche i diritti all’istruzione, alla salute, ad un lavoro regolare, al voto…

Il primo grado di processo canonico contro l’ex nunzio nella Repubblica Dominicana, monsignor Jozef Wesolowski, per abusi sessuali su minori, si è concluso in questi giorni presso l’ex Sant’Uffizio con una condanna alla dimissione dallo stato clericale. Qui la notizia che avevo dato qualche mese fa dopo la denuncia della giornalista dominicana Nuria Piera.

Il prelato, dopo le accuse, si era rifugiato in Città del Vaticano. Papa Francesco si era detto determinato a arrivare al chiarimento del caso. Dopo la condanna della Congregazione per la dottrina della fede, Wesolowski sarà ridotto nella sua libertà (anche se non è chiaro come) mentre dal Vaticano fanno sapere che ne’ la Repubblica Dominicana, ne’ la Polonia, che hanno aperto procedure legali contro di lui, hanno ad oggi richiesto l’estradizione.

Il Nunzio era stato nominato per la Repubblica Dominicana, Porto Rico, Haiti, da papa Benedetto XVI nel 2008. Si aprono ora le vie delle procedure penali. L’accusa è quella di aver ripetutamente pagato minori dominicani per avere rapporti sessuali.

Oggi su Facebbok iniziano ad apparire foto di bigliettini lasciati sotto i tergicristalli delle auto posteggiate, alcune a Milano, altre a Roma e non solo. Ecco alcuni esempi:

10408690_10204193289772506_4462198133664498468_n 10464346_10204180210524157_5351835774083351145_nImmagineLe persone vedono il biglietto, sono colpiti dal neo-romanticismo e pubblicano la foto su Facebook. Ah, l’amore!

Il fatto che questi foglietti stiano apparendo in diversi punti d’Italia e tutti insieme però è un chiaro indizio che non vi sia nulla di spontaneo in tutto ciò. E’ chiaramente una campagna di marketing volta ad attirare l’attenzione dei media con un investimento molto piccolo dal punto di vista economico. Tra una settimana, massimo dieci giorni, ci sarà la fase due di disvelamento della cosa con conseguente articoli sui giornali. E il gioco è fatto.

Chi c’è dietro? Qualcuno dice la BMW, sinceramente non è un grande problema scoprirlo, basta un po’ di pazienza. Intanto non fate gli ingenui.

Aggiornamento 14:00
Il Giornale di Brescia è il primo quotidiano on line ad “abboccare”

Aggiornamento delle 17:00
Nei commenti a questo post un tale Francesco si definisce l’autore del primo bigliettino. Però, c’è sempre un però, mettendo la sua mail in Googlo si scopre che di professione fa il web designer per un’agenzia di comunicazione esperta nel marketing… diciamo che la sua smentita vale almeno come una conferma. Secondo me la campagna è stata organizzata da Banzai Consulting.

banzai1 banzai2 banzai3

Aggiornamento 27 giugno:
Repubblica Torino riprende il fatto e la teoria che dietro alla campagna ci sia la BMW

Aggiornamento 23 settembre:
Dopo un po’ di tempo sono tornato a controllare questa storia ed, effettivamente, i bigliettini, in verità, sarebbero buste che contengono informazioni promozionali sulla manutenzione delle vetture. Tutto come previsto!

La batosta, più psicologica che elettorale, del post voto deve essere stata forte per Beppe Grillo perchè in una settimana ne ha infilate una dietro l’altra, diciamo così, dando l’idea di essere abbastanza confuso.

Il 31 maggio Grillo, per dimostrare che Farage è una brava persone riporta sul blog un suo discorso del 16 novembre 2011 dove, si legge, il politico inglese sostiene la tesi del golpe straniero perpetrato contro il governo Berlusconi:

E non soddisfatto, lei (Olli Rehn, Commissario agli Affari Economici) ha deciso che Berlusconi se ne doveva andare. Così è stato rimosso e rimpiazzato dal signor Monti, un ex commissario europeo, un architetto complice di questo disastro dell’euro e un uomo che non era neppure un membro del parlamento. Sta diventando come un romanzo di Agatha Christie, dove stiamo cercando di capire chi sarà il prossimo che sta per essere fatto fuori.”

Peccato che lui proprio in qui giorni (il 7 novembre 2011) scriveva cose un po’ diverse:

Berlusconi è un vecchio zombie, era già morto politicamente nel 2008. Lo resuscitò Waterloo Veltroni, e le opposizioni, per tre anni che sono sembrati lunghissimi, lo hanno protetto in innumerevoli voti di fiducia e regalandogli deputati a piene mani, da Calearo a Razzi, per tacer di Scilipoti.”

Grillo deciditi, o Berlusconi era già morto dal 2008 oppure è stato cacciato da un golpe guidato da un politico danese, delle due una!

Il giorno prima però Grillo aveva spiegato il perchè del suo innamoramento per Farage, di cui si era dimenticato di parlare in campagna elettorale, e svela perchè ci tiene tanto ad accasarsi con qualcuno:

Si tratta di una scelta strategica e pragmatica al fine di ottenere posizioni nelle commissioni del Parlamento europeo, per ottenere finanziamenti, tempo di parola in parlamento, e un segretariato esperto e professionale.”

Avete letto bene, per ottenere finanziamenti pubblici. Infatti se i 5 stelle non facessero parte di nessun gruppo parlamentare, cosa possibile, avrebbero diritto alla metà dei finanziamenti destinati ai parlamentari. Ma non erano i 5 stelli quelli del “rifiutiamo i soldi pubblici”, “basta finanziamenti ai partiti”, “o noi o loro” etc…? Adesso, pur di averli sono disposti a fare i salti mortali idelologici ed ad allearsi con chi promuove il nucleare e il carbone.

Il 2 giugno Grillo è scatenato, pubblica un farneticante post sui brogli elettorali che ci sarebbero stati nelle elezioni europee, la prova è data da exit pool diffusi negli ambienti della finanza inglesi che davano il M5S al 29% sopra il PD alle 20 di sera (leggete il post perchè è esilarante). Le premesse sono che sicuramente tutti gli elettori 5 stelle che han votato alle politiche sono tornati a votare e che l’Italia è l’unica nazione in cui ha vinto un partito pro-euro.

Sempre in quella giornata Grillo cerca di giustificare la sua simpatia con Farange così:

“Lunedì scorso, subito dopo i risultati, Grillo è stato contattato ufficialmente da Nigel Farage con il quale non erano mai stati fatti incontri o avviate discussioni prima del voto. Da lunedì è iniziato il ballo per la composizione dei gruppi europei. Prima non si sapeva chi sarebbe entrato e con quanti parlamentari. Chi ha più eurodeputati è più appetibile.”

E fin qui nulla di male, anzi condivisibile, salvo però, oggi a distanza di due giorni, pubblicare una ricostruzione dei tentativi di aggancio ai Verdi Europei che il Movimento 5 stelle avrebbe fatto a partire dal 14 maggio, ovvero dieci giorni prima delle elezioni e quindi prima dei risultati. E si lamenta pure del fatto che i Verdi abbiano risposto che i conti si sarebbero fatti dopo le elezioni.

Venerdì 14 maggio (molto prima dell’approccio con l’Edf) ci si mette in contatto con Vula Tsetsi, segretario generale dei Verdi e omologo di Bordez. Viene chiesto un incontro per una chiacchierata informale, esplorativa. Si attende di essere richiamati, come d’accordo, ma non arriva risposta alcuna. Così si fa passare un altro po’ di tempo e ci si riprova. La si chiama un’altra volta. Questa volta è sul TGV: va in Francia per le elezioni. Le viene chiesto nuovamente un preliminary talk, ma risponde che “adesso ci sono le elezioni, dai ne parliamo dopo”.”

Insomma le alleanze si fanno prima o dopo le elezioni?

Sempre il 2 giugno (mai dare un giorno di vacanza, guarda che danni fai su un blog) pubblica un post in cui sostiene che dovunque vi sia un sindaco 5 stelle il Movimento ha preso voti al di sopra della media nazionale, ad eccezione di Parma dove è il sindaco è Pizzarotti. Il commento nel post è che il risultato elettorale va letto come indice di gradimento nei confronti del sindaco. Morale Pizzarotti, che è ultimo in classifica, è il peggiore, messaggio cifrato (ma non troppo) per mandare a dire all’attivista di tenere un profilo basso, faniente se il risultato delle amministrative del 2012 (19%) sia identico a quello delle europee. Infatti il post arriva all’indomani di qualche uscita critica del sindaco pentastellato:

Niente dichiarazioni pubbliche, il sindaco di Parma lo fa con un post su Facebook in cui afferma: «Una sola cosa c’è da dire: alle Europee il Movimento è stato sconfitto, ed è da qui che ripartiremo con maggiore slancio e più forti di prima». Così su Facebook il sindaco di Parma del Movimento 5 Stelle Federico Pizzarotti. «Ma dobbiamo dircelo – ha aggiunto – e dobbiamo riconoscerlo. C’è il tempo delle vittorie e dei successi, ma c’è anche il tempo della sconfitta e di una doverosa autocritica». 

Per la serie chiunque metta in discussione la linea del capo è messo alla porta!

Concludo con un altro post del 2 giugno, dal titolo l’Euroinciucio in cui si accusa i governi di cercare un candidato alla Presidenza della Commissione Europea diverso da quelli espressi dalle forze politiche. Prima delle elezioni, infatti, ogni forza politica avrebbe dovuto indicare un proprio candidato, il PPE ha presentato Jean-Claude Juncker, il PSE Martin Schulz, la sinistra Tsipras, i liberali Guy Verhofstadt, i Verdi la coppia Ska Keller – Josè Bovè, mentre il Movimento 5 stelle non ha presentato nessuno! Avessero espresso anche loro un candidato ora potrebbero parlare, ma non sapendo chi candidare ora come fanno a lamentarsi di ciò?

Secondo me Grillo dovrebbe prendere esempio da Josè Bovè, uno dei leader dei verdi francesi e prendersi un tempo di decompressione dopo le elezioni, altrimenti rischia che la confusione sia troppo, davvero.

Tagged with:
 

Nei giorni prima delle elezioni avevo fatto delle previsioni elettorali. Ecco la verifica:

Previsione 1

Risultato 1 L’affluenza è stata del 58,68%. La lista L’altra Europa ha preso il 4,03% dei voti. I partiti che hanno pagato di più sono i partiti di massa, soprattutto Forza Italia e M5S. Molti degli elettori di questi partiti non sono andati a votare. Un’affluenza più alta avrebbe probabilmente penalizzato partiti come L’altra Europa. PREVISIONE AZZECCATA!

Previsione 2

Risultato 2 Il PD alle politiche aveva preso il 25% a questo giro ha superato il 40% mentre il M5S è rimasto fermo a poco più del 21%. Ad essere sincero io pensavo un cinque punti meno il PD e 5 in più il M5S. PREVISIONE TECNICAMENTE AZZECCATA!

Previsione 3

Risultato 3 Forza Italia si avvicina al 17%, sotto il 20 ma neanche al 15 come lo volevano diversi sondaggi. La somma con i partiti potenzialmente alleati fa il 31%, il M5S fa il 21%. PREVISIONE AZZECCATA!

Previsione 4

Risultato 4 Ho provato a fare i conti sulla circoscrizione nord ovest. Il PD ha preso 3.234.000 voti mentre le preferenze espresse sono state 908.000 circa il 28%. La lista L’altra Europa ha preso 303.800 voti con 196.000 preferenze espresse, pari al 64%. Il M5S ha preso 1.467.000 voti e le preferenze espresso sono state 203.300, pari soltanto al 14% scarso. La metà del PD e 5 volte meno della lista L’altra Europa. PREVISIONE AZZACCATA!

Che dire? Me la sono cavata meglio di tanti sondaggisti!

Tagged with:
 

Da qualche giorno il sito www.bicitalia.org offre una stupenda mappa con tutti i percorsi ciclabili più interessanti d’Italia. Ci sono indicati 18 itinerari nazionali per un totale di 18.000 km. Un’ottima cosa, se consideriamo che il turismo su due ruote è sempre di più in crescita e rappresenta un’alternativa valida ad altri ben più costosi e inquinanti. E’ stato calcolato che ha anche una grande ricaduta economica positiva sul territorio soprattutto per i piccoli esercenti.

Le rotte sono di grande interesse, dal Brennero a Santa Teresa di Gallura, oppure da Como a Brindisi, per capirci.

Ha attirato la mia attenzione l’itinerario 12, quello che collega Trieste a Savona con un percorso di 1.100 km; descrive il corridoio che percorre la pianura alta alla base di tutto l’arco alpino italiano dalla Val Rosandra presso Trieste al Colle di Cadibona, dove comincia l’Appennino.  Gli_itinerari_Bicitalia   Arrivato a Bergamo il percorso devia verso Lecco e poi Como e Varese. La mia attenzione è caduta sul fatto che Milano non risulti collegata a questa rotta se non attraverso Como. Conoscendo il territorio è facile vedere come si possa inserire un collegamento orizzontale tra il capoluogo lombardo e la zona dell’Adda passando lungo l’alzaia del Naviglio Martesana completamente riqualificata e ciclopedonale.

Dalla Martesana potrebbe passare itinerari che collegano Torino – Milano – Verona – Trieste sicuramente molto interessante e che avrebbe una parte del fascino della Ciclovia del Po (Eurovelo 8) e delle città d’arte dell’alta Pianura Padana. Potrebbe essere un’ottima proposta da portare avanti per, e soprattutto dopo, Expo. Una forma per valorizzare il territorio e portare nuovi visitatori.

Tagged with:
 

Iniziano ad apparire i primi manifesti elettorali per le europee, ecco un campionario degli slogan dei vari partiti:

L’europa cambia verso (PD)
Più Italia in Europa, meno Europa in Italia(Forza Italia)
Andiamo in Europa per cambiare l’Italia (M5S)
Prima le persone (L’Altra Europa)
Basta Euro (Lega Nord)
In Europa alza la testa (FdI)
In Europa, prima l’Italia (NCD)
Una scelta verde, un’Europa Green (Verdi-GI)
Scegli l’Europa (Scelta Europea)
Europei. Non tedeschi (Idv)

Posso dire che tra chi fa l’antieuropeo (ma si candida al Parlamento), chi pensa di correre per delle elezioni italiane, chi se la piglia con gli altri per i nostri problemi… non ci sia uno slogan che sia particolarmente attraente? Forse solo i Verdi mettono nello slogan un contenuto chiaro (anche se abbastanza scontato per loro) e una dimensione continentale.

Tagged with:
 

Il Movimento 5 Stelle ha deciso di raccogliere curricula on-line per gli assessori che il loro candidato sindaco nominerebbe una volta eletto a Pioltello. Ma fanno un po’ di confusione. Soprassedendo sulla volontà di affidare un ruolo politico a presunti tecnici (ma non erano loro contro il governo Monti?) alcune cose non tornano.

Guardate le deleghe che intendono distribuire: edilizia pubblica e mobilità sarebbero assegnate a due aspiranti assessori generando non pochi problemi in giunta.

5stelle

 

A questo punto però scatta l’impazienza, infatti, pur avendo pubblicato il post venerdì alle 20:30 si aspettavano valanghe di curricula già nelle prime 12 ore (nonostante il termine fosse il 18 maggio):

5stelle bis

Valanga che evidentemente non si è verificata come loro stessi scrivono su Facebook:

5stelle tris

 

A questo punto forse è il caso di andare a leggere i requisiti che chiedono ai futuri assessori. E anche qui c’è della confusione.

5stelle quater

Prima di tutto, ma è un pensiero personale, non capisco perchè mettere come requisito la cittadinanza italiana. Soprattutto in un paese come Pioltello che tanto ha dato e riceve dalle persone straniere che forse, potrebbero essere coinvolte anche nella gestione della città, a prescindere da dove siano nate o cresciute.

Sicuramente il punto 6 crea qualche difficoltà, infatti, escludendo l’iscrizione a qualsiasi partito politico escludono anche gli attivisti 5 stelle, e questo non mi sembra una grande idea. Agiungo che gli aspiranti assessori dovrebbero aver partecipato ai Tavoli di Lavoro del programma, che per legge deve essere già stato depositato in comune entro fine aprile. Quindi o sono attivisti 5 stelle, oppure ciccia!

Al punto 8 dice che gli assessori devono svolgere il lavoro per cui sono stati eletti, ma gli assessori non sono eletti ma nominati da sindaco. Altra confusione.

Infine, il punto 9, dove si chiede agli assessori di portare avanti le idee del Movimento e non le loro, a questo punto che senso ha fare una selezione tramite curricula se poi le persone non possono spendere le loro capacità ma devono sottomettersi a voleri altrui? Voi prendereste Rubbia a fare il ministro dell’energia se poi deve fare quello che dicono i votanti sul blog?

E soprattutto chi è che dovrebbe indirizzarli? A quanto si legge nel blog, qualcuno che non conosce neanche il plurale di curriculum… (vedi Accademia della Crusca)

5stelle penta

 

Tagged with:
 

Qualcosa è andato storto nell’impianto nucleare in Arizona.

C’è stata un’esplosione in un serbatoio di fluido idraulico. L’incidente è avvenuto su un lato non nucleare dello stabilimento e non ci sono danni ai componenti dei reattori.

L’evento è stato nascosto per 5 mesi, senza segnalarlo alle autorità competenti. La Nuclear Regulatory Commission degli Stati Uniti ritiene che l’incidente sia una “mancata segnalazione di un evento insolito.” Non ci saranno multe, né per l’esplosione, né per la mancata segnalarlo.

La domanda però rimane, quanto ci si può fidare di impianti che ritardano le segnalazioni di incidenti per mesi?

Tagged with:
 

A febbraio camminando per le strade di New York mi aveva colpito questo cartello:

2014-02-10 11.08.18

Segnala la possibilità di chiamare un numero gratuito e anonimo per indicare operai che stessero lavorando in cantieri edili senza le adeguate protezioni o altre situazioni di pericolo.

Ora, si sa che le morti sul lavoro nel campo dell’edilizia sono molte e che buona parte di queste sono causate dalla mancanza osservanza delle norme basilari di sicurezza.

Ogni giorno vedo, in un quartiere vicino a casa, molti operai senza alcuna protezione arrampicarsi sulle impalcature o movimentare materiale pericoloso.

Non lo fanno neanche di nascosto… vorrei tanto avere un numero da poter chiamare per non dover, poi, piangere una tragedia.

Tagged with:
 

Bene, Sindaco e assessori, dopo le mie proposte per evitare di vietare le grigliate al Parco increa di Brugherio, mi avevano invitato a sentire il progetto complessivo di riqualificazione del parco.

Non potendo andare alla conferenza stampa ho trovato interessante la sintesi fatta da Fuoridalcomune.it. In particolare mi ha colpito questa frase riportata del sindaco Troiano:

“qui non si tratta di fare o no le grigliate, qui si tratta di riappropriarsi di un parco, renderlo vivibile e sostenibile dal punto di vista ambientale e comunitario. L’ordinanza è una misura propositiva, i parchi limitrofi, compreso il grande Parco di Monza, vietano le grigliate nel verde per preservare il loro patrimonio, un motivo esiste ed è lo stesso che ha mosso la nostra scelta”

In queste poche parole vi è la rinuncia, a mio avviso, di provare a governare un fenomeno intervenendo con un divieto. Mi spiego:

– sostenibile dal punto di vista ambientale e comunitario. L’impatto ecologico di una grigliata, se ben gestita, è nulla. Suggerivo sistemi per evitare la presenza di rifiuti e per gestire in modo ordinato gli spazi.
– i parchi limitrofi vietano le grigliate. Come proponevo al punto 5, bisogna far sì che più aree siano aperte alla socialità (e quindi anche al barbecue) e non viceversa;
– grigliate nel verde. Infatti suggerivo si installare piazzole dotate di beole ecologiche per definire le aree dove fossero possibili le griglie e ridurre il rischio di danni ambientali.

Vi sono poi le dichiarazioni dell’assessore Magni

Le spese affrontate dal Comune, e quindi a carico dei cittadini, per sanare e sostituire le strutture barbecue danneggiate, o per i servizi di pulizia del parco dopo i week end, sono esorbitanti. Inoltre controllare migliaia di persone che grigliano in qualsiasi punto del parco accendendo fuochi, è diventata ormai un’impresa impossibile ai fini della sicurezza

Anche qui suggerivo di non lasciare la possibilità in “qualsiasi punto del parco” ma delimitarlo a circa un terzo del territorio.

Insomma, tutte le motivazioni che hanno portato al divieto, a mio modesto parare, potevano trovare altre soluzioni. Si è rinunciato a governare il fenomeno bello, spontaneo e sociale delle grigliate per sostituirlo con un divieto, sicuramente di più facile gestione ma di più triste visione.

Tra le altre novità del piano Increa mi piace l’incentivo alla mobilità sostenibile con navette, bikesharing e parcheggi a pagamento sabato e domenica (cosa che, sulla domenica, sono convinto che debba fare anche Cernusco in via Cavour). Non mi piace l’esenzione del pagamento del parcheggio per i residenti a Brugherio. Proprio loro, che vivono nei pressi del parco, dovrebbero essere spinti in ogni modo ad usare altri mezzi, ma mi sa che qui gli amminstratori non abbiano voluto mettere a rischio un po’ di voti…

Logo del Parco Est delle Cave

Ultima nota, più volte l’Amministrazione di Brugherio ha dichiarato di voler rilanciare il Parco Est delle Cave, nel quale il Parco Increa è inserito, ecco, nei cartelli presentati in conferenza stampa non appare mai il logo del PLIS. Spero che ci sia nei cartelli che verranno messi ad Increa altrimenti vi sarebbe una contraddizione tra dichiarato e agito.

Dopo l’approvazione alla Camera della legge che cambia le provincie e istituisce le Città Metropolitane inizia un processo di 9 mesi che porteranno al parto della nuova istituzione che cancella la Provincia di Milano. Ecco le tappe:

Fino al 24 giugno non cambia nulla, rimangono in carica Presidente, Giunta e consiglio provinciale. Dopo Presidente e Giunta sono prorogati fino al 31 dicembre a titolo gratuito per l’ordinaria amministrazione e gli atti inderogabili e urgenti. Il Presidente assume anche le funzioni del Consiglio.

Nel frattempo, il sindaco di Milano indice le elezioni per la Conferenza statutaria che lavorerà su una proposta di Statuto fino al 30 settembre. La Conferenza è composta da 24 membri scelti da e tra i sindaci e consiglieri comunali dei 134 Comuni della Provincia con voto ponderato. La Regione Lombardia subentra in tutte le partecipazioni azionarie di controllo detenute dalla Provincia e legate alla realizzazione dell’EXPO 2015. Al termine di EXPO, il 31 ottobre 2015 tali partecipazioni passano alla Città metropolitana.

Entro fine anno il Consiglio Metropolitano approverà lo statuto della Città Metropolitana. Dopodiché decadranno Presidente provinciale e Giunta. La Città metropolitana subentra alla Provincia di Milano e ne assume patrimonio, personale e funzioni. Il Sindaco di Milano assume le funzioni di Sindaco metropolitano. Lo Statuto potrà prevedere l’elezione diretta di sindaco e consiglio con il sistema elettorale che sarà determinato con legge statale.

Si tratterà del primo organo che godrà di un’elezione di secondo livello, almeno per la Conferenza Statutaria, una sorta di prova generale per quello che potrebbe essere il nuovo Senato. Sarà interessante verificare quante forze politiche saranno rappresentate.

In questi giorni circola la notizia della prossima decisione da parte del Comune di Brugherio di procedere con l’emissione di un divieto categorico alla realizzazione di barbecue nel bellissimo Parco Increa. Dal comune fanno sapere che a breve verrà presentato un piano complessivo di riqualificazione del Parco che non riguarderà solo la possibilità da fare grigliate. Ma tant’è, questo sembra essere uno dei punti principali anche perché nei fine settimana di sole si possono contare le griglie a centinaia.

Anni fa erano stati predisposti dei barbecue in cemento a disposizione di tutti, oggi smantellati dopo diverse incursioni vandaliche. C’è da dire che la civiltà non è sempre presente e diversi gruppi lasciano il parco pieno di rifiuti dopo avervi trascorso l’intera giornata e il lavoro di pulizia del lunedì è notevole.

A mio modesto avviso, però, ci sono delle alternative al divieto totale di grigliate, provo a esporre qualche idea:

1- si potrebbe permettere il barbecue solo in un’area definita del parco, un quarto, un terzo dell’area verde, per esempio, per poter concentrare le istallazioni e facilitare il controllo dell’uso delle stesse

2- al posto di ingombranti e costose strutture in cemento si potrebbero istallare nell’area di parco in cui permettere i barbecue delle beole ecologiche, a gruppi di quattro, su cui sia possibile alloggiare le griglie private. Si avrebbe il risultato di definire con precisione dove si può grigliare, di dare una base stabile, di ridurre il rischio di incendi provocato da fuochi non curati correttamente. Si potrebbe, inoltre, dotare il parco di 2/3 aree con la sabbia (magari in casette chiuse, con le chiavi disponibili presso il Masnada) a disposizione in caso di necessità per spegnere fuochi indesiderati.

3- visto che il mantenimento del parco costa, soprattutto se viene utilizzato in maniera intensa, si può. senza alcun scandalo, chiedere a chi utilizza gli spazi griglia di pagare un “affitto” di 5/10 euro. Potrebbe essere incaricato il bar Masnada di gestire i braccialetti da dare ai fuochisti, registrando identità e riscuotendo la quota. In un’ottica di Smart City si potrebbe anche permettere di prenotare on-line le piazzole (vedi sopra) che saranno numerate, creando così il primo esempio di Smart Grill al mondo! Le forze incaricate del controllo del parco dovranno solo verificare che ogni griglia abbia il proprio fochista con braccialetto colorato.

4- Per meglio controllare che il parco venga lasciato in condizioni adeguate si potrebbero coinvolgere associazioni ambientaliste o giovanili, scout e oratori, perché ogni week end un gruppo si incarichi di passeggiare tra le famiglie impegnate nei picnic e ricordare come raccogliere adeguatamente i rifiuti e preservare la natura.

5- Infine, dopo aver messo in atto tutto ciò, il Comune di Brugherio dovrebbe bussare alle porte delle giunte confinanti chiedendo che su ogni territorio comunale venga individuato un posto dove replicare lo schema, perché se ci sono più posti, vi sono anche meno problemi di affollamento. Primi interlocutori devono essere i comuni che, con Brugherio, han dato vita al Parco Est delle Cave. Per Cernusco, per esempio, questo posto potrebbe essere il Parco Blu degli Aironi.

grigliate increa

 

Aggiungo che

Domenica scorsa ero al Parco, c’era vita, c’era socialità, c’erano soprattutto famiglie che costruivano una società di relazioni. Inutile dire che il 90% di loro erano lì con una griglia a lato. Negare del tutto questa possibilità è un impoverimento per tutti.

Tagged with:
 

Il gioco d’azzardo nuoce alla salute. Non lo dico io, ma lo Stato che obbliga qualunque concessionario di slot machine o licenza on line a scrivere questa frase:

slot

Proprio come l’alcool e il tabacco è un’attività, legale, che porta a danneggiare chi la pratica, soprattutto se in quantità non controllate. Progetti per diminuire il consumo di bevande alcoliche e l’uso delle sigarette sono promossi in ogni dove, campagne per l’abbandono del fumo sono presenti in tante ASL e istituzioni. Calare il consumo di alcolici o di sigarette porta un danno eneriale immediato per lo Stato, che gestisce il monopolio, ma porta un miglioramento della salute dei cittadini e una diminuzione della spesa sanitaria e sociale. Nessun comune viene penalizzato per le sue iniziative che mirano a ridurre “Bacco e tabacco”.

Lo stesso vale per il gioco d’azzardo e per le slot machine? Da ieri sembra proprio di no!

La bastonata ai sindaci e alle regioni che lottano contro il gioco d’azzardo arriva in Senato con l’emendamento presentato dal Nuovo centrodestra al decreto “Salva Roma” e approvato con i voti di 140 senatori di Partito democratico, Scelta Civica, Ncd e Gal. Il testo riguarda i comuni o le regioni che emanano norme restrittive contro il gioco d’azzardo, diminuendo così le entrate dell’erario. L’anno successivo, questi enti territoriali subiranno tagli ai trasferimenti che verranno interrotti solo quando le norme e regolamenti “scomodi” saranno ritirati.

Mi chiedo che senso abbia fare campagne #noslot su Twitter, raccolta firme e dirette tv se poi si votano in Senato provvedimenti di questo tipo? Mi auguro che ci siano spazi e modi per cancellare questa oscenità e, anzi, creare una legislazione che limiti il gioco d’azzardo che si sta rivelando una vera e propria piaga sociale!

Uno schifo che si somma al condono dell’evasione fiscale dei gestori di slot già previsto nel decreto di cancellazione dell’IMU