La tasa de letalidad indica el número de muertos con relación a las personas infectadas por una enfermedad.
Estas son algunas de las enfermedades surgidas en los últimos años (fuente aquí):

Durante una pandemia es difícil determinar con exactitud la tasa de letalidad porque hacen faltas datos confiables. En particular el número total de las personas contagiadas por el virus

Si tenemos 10 muertos sobre 100 personas contagiadas la tasa de letalidad será del 10%, pero si las personas contagiadas son 1,000 (y yo no logro identificar 900) la tasa real es del 1%.

En este momento en la República Dominicana contamos con 1749 casos identificados y 82 muertos por coronavirus, eso saca una tasa bruta del 4.69% que pero es lejo de ser la real. El mismo Gobierno está preparando sus cálculos como declara también en Twitter.

Vamos a ver, entonces las posibles alternativas.
Presentaré 6 escenarios:
1- los números actuales comunicados por Salud Pública: 4,69%
2- la aplicación de la tasa de letalidad calculada por la Organización Mundial de la Salud (OMS) a mediano de marzo: 3,40%
3- la aplicación de la tasa de letalidad calculada por la OMS en febrero: 2.0%
4- la tasa calculada en el pueblo italiano di Castiglione D’Adda, donde se pasaron pruebas a todos los habitantes: 1.40%
5- la tasa calculada en el barco de crucero Diamond Princess donde, también, se hicieron las pruebas al 100% de las personas: 0.63%
6 – la tasa calculada en Korea del Sur que fue la nación que aplicó la estrategia de identificación masiva de las personas contagiadas: 0.6’%

Los escenario 4, 5 y 6 deberían ser los que más se acercan a las verdadera letalidad del virus ya que el denominator del número total de casos es bastante confiable.

El dato seguro para estos cálculos es el número minimo de muertos (82). Si los muertos fueran más (es decir si hay personas que murieron por COVID-19 y no se han identificados) las estimaciones de los infectados crecerían de consecuencias.

Según estas estimas la estimación de los contagiados es de unos 6,000 hasta 14,000 pesonas, para obtener tasas de letalidad cercana a las internacionales ya que no hay razones para pensar que en República Dominicana el virus sea más letal que en otros países.

Las personas, pero, duran un promedio de 23 días para morir desde el momento del contagio, es decir que estas 6,000 / 14,000 personas estaban enfermar hace 23 días. Desde entonces la enfermedad se ha expandido por una velocidad promedio de 1.29% (calculado por Juan Carlos Saladin en su Análisis Estatistico n 14 del 5 de abril 2020)

Vamos a aplicar, entonces este factor de infección a los números estimados por las varias tasas de letalidad (número de positivos * 1.29 * 23 días)

La tabla indica, en la última columna, el número de personas infectas estimadas al día de hoy, domingo 5 de abril, en la República Dominicana. Estamos hablando de más de 150,000 personas hasta unos 400,000.

Vamos a imaginar que la enfermedad se vaya expandiendo hasta llegar al 1%, 10%, 20% o 50% de la población.

Muchos países ya declararon que puede afectar a más de la mitad de su gente.

Alemania
Francia
Ecuador

Cuanto muertos llevaría a República Dominicana una expansión de este tipo?

Si la tasa de letalidad fuera la actual (4.69%) y la enfermedad llegara a golpear la mitad de la población dominicana, los muertos llegarían a más de 270,000.

Tenemos que esperar que la tasa sea efectivamente más baja. El escenario 4 (la aplicación de la tasa de letalidad del municipio de Castiglione en Italia) nos llevaría a 82,000 muertos.

Para entender la magnitud de estos números hay que recordar que los muertos en un año en la República Dominicana son alrededor de 42,000.

La única forma para evitar estos números aterradores es parar la difusión del virus reduciendo a cero los contactos no protegidos con las otras personas.

O nos quedamos en la casa, sin salir, visitar o recibir visita, o tendremos que prepararnos a llorar muchas personas queridas.

Según las fuentes oficiales en la República Dominicana al día 31 de marzo 2020 hay:
1284 casos positivos al COVID19
57 personas que murieron por el virus.
El corte de los datos fue a las 6 pm del 31 de marzo, comunicados el primero de abril por Salud Pública.

Vamos a razonar sobre estos números ya que indican una letalidad bruta del 4.43% mientras que el Ministerio de Salud garantiza que República Dominicana tiene la misma letalidad de los otros países.

¿Cuál es la letalidad del coronavirus?

La enfermedad que se identificó por primera vez en diciembre 2019 es bastante nueva para poder tener un porcentaje definitivo. Pero tenemos dos ejemplos muy significativos: Corea del Sur y el barco de crucero Diamond Princess.
En Corea del Sur la estrategia de lucha al coronavirus se centró en un alto numero de pruebas a la población y la identificación temprana de los casos positivos, por eso se puede suponer que la letalidad (que se calcula dividiendo el número de defunciones por la totalidad de casos positivos) se aproxime a la realidad.
El crucero Diamond Princess fue un barco donde se detectó un alto número de personas positivas y por eso se realizaron pruebas al 100% de los pasajeros y tripulación.

La tasa de letalidad de Corea del Sur es, según CNN (fuente aquí) de 0.6 %, es decir que cada 100 personas mueren 0,6. En la Diamond Princess la tasa de letalidad es de 0,63% según los CDC – Centers for Disease Control and Prevention de Estados Unidos (fuente aquí).

Un factor determinante es la edad de las personas que se enferman ya que personas mayores de 60 años tienen un riesgo mayor de no sobrevivir al riesgo. Esta es la tabla de riesgo según Worldometers (fuente aquí):

El crucero Diamond Princess tenía una población que, en su mayoría pasaba de los 60 años (fuente aquí).
Corea del Sur mantiene una demografia parecida a la de República Dominicana (fuente Ourworldindata), aunque tiene un porcentaje de población por arriba de los 65 años de un 13% contra un 6,7% del país caraibico.

¿Qué nos dicen los datos de República Dominicana?

En la mayoría de los países donde se están realizando estudios sobre la pandemia, se evidencia la dificultad en detectar la totalidad de los casos positivo (fuente Italia, España, China) con estimaciones que dan los positivos reales hasta 100 veces más altos de los oficiales.

Immagine
The Economist – estimas de las personas positivas en países de Europa

Si no podemos saber el número real de los casos positivos, por dificultades del sistema, presencia de personas positivas pero sin síntomas, deseo por parte de algunos de esconder su situación, etc… podemos saber el número minimo de personas que murieron teniendo el COVID19. En este momento, en República Dominicana son 57.

Es posible que sean más, que personas sean muertas sin que se le haga la prueba, pero vamos a considerar 57 como número para realizar los cálculos.

Vamos a asumir que la tasa de mortalidad dominicana sea parecida a la de Corea, por demografia, calculando un 0,7%. Si los 57 muertos corresponden a los 0,7% de los positivos quiere decir que el número total de contagiados es cerca de 8,140 personas: 57 / 0,7 x 100.

Actualmente los datos oficiales indican 1284.

Pero el dato de 8,140 positivos no se refiere al día de hoy. Siempre según CDC el tiempo promedio que pasa entre el contagio y la muerte es de 23 días (fuente aquí). Eso quiere decir que las personas que están muriendo ahora en República Dominicana se enfermaron alrededor de hace 20 días.

El número de 8,140 se refiere a los casos positivos en los días de las elecciones municipales (15 de marzo). Desde entonces ha ido creciendo.

Una estimación de las personas positivas al día de hoy

El indice de infección indica la velocidad de propagación del virus. Según el ingeniero Juan Carlos Saladín el indice promedio en la República Dominicana entre el primero y el 31 de marzo fue de 1.32 (fuente aquí).

En una rueda de prensa el Ministro de Salud Pública indicó como una de las razones de alto número de contagios en la provincia Duarte la celebración de carnaval y actividades electorales, certificando la presencia de transmisión comunitaria del virus desde antes el 15 de marzo (fuente aquí).

Vamos a realizar esta hipótesis, muy optimista:
En vez de 23 día, calculamos solamente 17 días, o sea, desde el 15 de marzo hasta el 31 de marzo-
En vez de una factor de infección de 1.32 (que es el promedio en República Dominicana según los datos de Salud Pública), y en vez de 2.00 (que es el factor más bajo registrado por la Organización Mundial de la Salud), vamos a utilizar 1,20 (para ser optimistas). Esto, sin considerar el alto número de contactos sociales generados por las elecciones municipales ni el hecho que el toque de queda no está siendo muy respectado (casi 20,000 personas arrestadas por su violación en las primeras nueves noches, fuente aquí).

El calculo de los contagiados es: 8,142 x 17 x 1.20

El resultado da, estimados al día de hoy, unas 150,000 personas.

Otros escenarios

Estos cálculos se dan tomando como referencia la tasa de letalidad de Corea, que es, posiblemente, la más atendible por las razones sobra citadas. Claro, si se supone que la tasa de letalidad sea más alta, quiere decir que más gente se muere una vez enfermada, el número de contagiados para justificar los 57 muertos es menor.

Con una tasa de letalidad de 1%, manteniendo todos los otros parámetros iguales, se pueden estimar unos 116,000 positivos

57 / 1 * 100 * 1.20 * 17 = 116,280

Si queremos diseñar un escenario utilizando los números más alto:
– tasa de infección: 1.32%
– día de retraso entre contagio y defunción: 23
El calculo sería este:

57 / 0.7 * 100 * 1.32 * 23 = 247,217

Casi 250,000 personas positivas al día de hoy.

¿Y entonces que?

Toda esta análisis no tiene que asustar pero es bueno tomarla en cuenta por varias razones:

  • las personas positivas pueden estar mucho más cerca de los que creemos. Los número oficiales logran fotografiar solo una pequeña parte de la situación real. Para tener una idea hay que multiplicar por 100 los datos. Si en tu provincia hay 15 casos detectados, posiblemente serán 1,500. Esto obliga a cuidarse mucho más.
  • hay que tratar a todos los casos de gripe como si fueran COVID19 sin esperar el resultado de la prueba que, a veces, puede durar días para llegar, así se gana tiempo y se pueden salvar más vidas.
  • hay que realizar más pruebas para ir identificando los positivos, que tengan o no tengan síntomas. Actualmente el protocolo indica que hay que tener dos síntomas para poder hacer la prueba, pero, de esta forma se están dejando “en la calle” muchas personas positivas que pueden ir propagando la pandemia.
  • hay que tomar, dentro de los posible, medidas más estricta de limitación de la movilidad de las personas, solo así el factor de infección puede bajar y dar el tiempo al sistema de salud de atender a las personas que necesitan atenciones hospitalarias.

El sentido de estas reflexiones

La idea de plasmar en estas lineas estos cálculos y reflexiones no es para criticar el gobierno dominicano que mucho está haciendo ni para decir que están mintiendo o maquillando los números. Ellos están presentando lo que efectivamente logran detectar.

Pero es urgente que la población entienda que no se trata de numeritos, que la infección está muy extensa y que hay que actuar de una vez, rápidamente, todos y todas juntos para parar la propagación del virus, antes que sea demasiado tarde.

Hay que tomar decisiones basadas en datos.

Estos razonamientos, ademas, están abiertos a revisiones por parte de todo el mundo, por favor, señalen falacias, errores o inexactitudes, para ir entendiendo mejor.

Tagged with:
 

La situazione si sviluppa su due livelli: la gestione tra i partiti e le proteste di piazza.

I partiti sono stati convocati più volte dalla Junta Central Electoral e hanno velocemente accordato che le elezioni comunali si terranno il 15 marzo (data scelta nel rispetto della legge, che prevede un tempo massimo di 30 giorni, ma anche del carnevale, che finisce domenica 8 marzo) e si useranno solo schede cartacee.
Dal punto di vista delle indagini, per giorni sono stati interrogati dalla polizia un tecnico telefonico e il capo della scorta del candidato dell’opposizione Abinader che si erano scambiati messaggi che mostravano che fossero a conoscenza del tentativo di manomettere le macchine elettorali. Nessun altra persona è stata indagata nonostante siano stati interrogati diversi militari incaricati della sicurezza della Junta Central Electoral e il responsabile d’informatica della stessa Junta sia stato sospeso.

Da lunedì però è iniziato un movimento di piazza, prima a Santo Domingo, poi in molte città della paese che chiede una pluralità di azioni. Non esiste un’unica testa per questo movimento che è iniziato in forma spontanea e poi è stato sostenuto dai principali partiti d’opposizione. I giovani, ma non solo, si presentano nel tardo pomeriggio in luoghi simbolo delle città (a Santo Domingo davanti alla sede della Junta Central Electoral) vestiti di nero per indicare che sono in lutto per la morte della democrazia. Le richieste della piazza si possono riassumere con:

  • elezioni subito
  • indagine indipendente
  • rinuncia dei membri della Junta Central Electoral o, per altri, l’integrazione di figure della società civile nella Junta
  • elezioni trasparenti e con il voto cartaceo
    Oltre a questi punti c’è un diffuso sentimento anti PLD, partito al governo dalla 2004.

C’è da dire che in 5 giorni di protesta la Marcha Negra ha ottenuto risultati importanti, oltre al tema elettorale, ieri il governo ha chiesto all’Organizzazione degli Stati Americani di incaricarsi dell’indagine sui fatti che hanno portato alla sospensione delle elezioni e ha ordinato al Procuratore Generale della Repubblica (che sarebbe il Ministro della Giustizia) di sospendere le indagini interne.

Le manifestazioni sono state estremamente pacifiche, attente a non interrompere il transito, nella maggior parte dei casi, e pulendo la spazzatura lasciata dai manifestanti.

Per domani i partiti dell’opposizione hanno convocato una manifestazione nazionale a Santo Domingo.

In generale c’è un clima di estrema difficoltà per il partito al governo che se non riuscirà a spiegare in forma credibile e convincente cosa sia successo domenica scorsa, difficilmente riuscirà a risultare vincitore in questa tornata elettorale.

Domenica scorsa si sono tenute le elezioni amministrative. Seggi aperti alle 7 e elezioni annullate alle 11. Per capire cosa è successo devo partire da qualche mese fa.

In Repubblica Dominicana nel 2020 si terranno le elezioni a tutti i livelli: comunali, parlamento e presidenziali. Le comunali a febbraio, le politiche e presidenziali a maggio.

In autunno si sono tenute le elezioni primarie dei due principali partiti, organizzate dalla Junta Central Electoral, che è l’organo incaricato di anagrafe e elezioni.
Per il partito PLD che esprime l’attuale presidente si sono presentati due candidati Gonzalo sostenuto dall’attuale mandatario, Leonel, ex presidente per tre volte. Si è votato, per la prima volta con il voto automatizzato, dei tablet che rilasciano una stampata con il voto espresso. I due candidati sono arrivati molto vicino ed è risultato vincitore Gonzalo per decimali. Leonel ha contestato il risultato sostenendo che i dati fossero stati contraffatti e le macchine del voto manomesse. Il controllo tra i dati elettronici e quelli stampati ha confermato il risultato. A quel punto Leonel ha lasciato il partito di governo e fondato il suo movimento con il quale si presenta alle presidenziali. Il partito PRM non ha avanzato alcuna obiezione rispetto al funzionamento delle macchine.

Per mesi si è discusso sulla possibilità o meno di usare il voto elettronico nelle elezioni del 2020 dopo il caos di novembre. Alla fine si è deciso che il 62% dei comuni avrebbero usato il voto elettronico, il 38% quello cartaceo.

Domenica quando si è iniziato a votare sono iniziate ad arrivare segnalazioni da tutto il paese di cattivo funzionamento del voto elettronico: sui tablet non apparivano tutti i candidati, o mancavano i partiti minori o c’era solo il candidato del PLD. Dopo una riunione con i partiti e l’ Organizzazione degli Stati Americani, la Junta Central Electoral ha deciso di sospendere tutte le operazioni di voto, anche nei comuni dove il voto era cartaceo, nonostante il partito PLD chiedesse che almeno li si continuasse a votare.

Lunedì è stata fissata la nuova data per le elezioni comunali: 15 marzo. Si userà solo il voto cartaceo.

Si sta cercando di capire cosa sia successo se incapacità dei tecnici, sabotaggio (come sostiene il PLD), tentativo di manipolare le macchine (come sostiene l’opposizione).

Domenica la reazione della popolazione è stata molto controllata e non ci sono stati disturbi. Nei giorni seguenti ci sono state (e continuano ad esserci) manifestazioni davanti alle sedi della Junta Central e i municipi chiedendo le dimissioni dei giudici della Junta e un’indagine indipendente sui fatti accaduti. Attualmente ci sono due detenuti, un tecnico informatico e il capo della sicurezza del candidato alla presidenza per il PRM perché risulta che fossero a conoscenza di manovre notturne sulle macchine elettorali.

12 gennaio 2010: il territorio di Haiti fu scosso da un terremoto di proporzioni spaventose, responsabile della morte di 316mila persone, 350mila feriti e più di un milione e mezzo di profughi e danneggiati.

Cosa è successo sull’isola in questi 10 anni è paradigmatico di come la comunità internazionale sia capace di emozionarsi, attivarsi e poi disinteressarsi completamente.

A 10 anni di distanza il paese caraibico è in situazione quasi peggiore di quella in cui si trovava allora. Durante questo periodo ci sono stati interventi miliardari, circa 11 miliardi di dollari sarebbero stati spesi nella cooperazione internazionale, senza che si vedano gli effetti reali per la popolazione.

Secondo alcuni studi circa l’80% dei soldi spesi in aiuti sarebbe tornata nei paesi donanti per pagare alimenti, personale, trasporti. Meno del 10% delle risorse è stata gestita dalle autorità haitiane, la maggior parte degli interventi sono stati decisi da organizzazioni internazionali, ONG o stati donanti, senza concordarli con il governo haitiano.

Nell’ottobre del 2010 si scopri la presenza del colera ad Haiti, la malattia fu portata sull’isola dai Caschi Blu, scatenando un’epidemia che ha colpito l’8% della popolazione haitiana. I militari delle Nazioni Unite che sono rimasti sull’isola fino all’anno scorso, sono stati anche accusati di violenza, di stupro, di favorire la prostituzione e lasciare sull’isola un numero molto alto di figli non riconosciuti.

Molte fondazioni si sono mosse per raccogliere fondi dopo il terremoto, alcune di queste non hanno saputo spendere in modo trasparente queste risorse e sono anche fallite per bancarotta.

Gli haitiani hanno aumentato la fuga dal paese rafforzando la diaspora in Repubblica Dominicana, America de sud e Stati Uniti, soffrendo un fenomeno crescente di razzismo ed esclusione.

Un anno dopo il terremoto avevo curato la pubblicazione del libro Haiti: l’isola che non c’era per raccontare quale fosse la realtà del paese prima dell’evento che lo sconvolse. Nei prossimi giorni pubblicheremo con People un libro per raccontare cosa è successo in questi 10 anni in cui il mondo avrebbe dovuto salvare Haiti, ma ha fallito.

Tagged with:
 

Chavez (presidente del VN dal 1999 al 2013) muore nel 2013. Gli succede alla presidenza Maduro. Il 14 aprile 2013 batte Henrique Capriles Radonski di Prima la Giustizia, partito di centro-sinistra, a seguito di elezioni da quest’ultimo contestate, ma il cui esito viene ratificato dal Consiglio Nazionale Elettorale (CNE), che ufficializza la vittoria di Nicolás Maduro e la sua elezione alla Presidenza della Repubblica con il 50,78% dei voti contro il 48,95% dello sfidante.

La situazione economica del VN inizia a peggiorare tra corruzione, sperpero e basso costo del petrolio. Si susseguono crisi diplomatiche con USA e Colombia e gli unici sostenitori di Maduro, a livello internazionale, intanto che si sfalda il gruppo ALBA degli stati latinoamericani di ispirazione bolivariana, sono Russi e Cina. La Cina, in particolare va all’incasso assicurandosi enormi privilegi sulle risorse naturali venezuelane.

Nel 2014 iniziarono in Venezuela una serie di proteste e dimostrazioni. Le proteste vennero attribuite all’inflazione, alla violenza ed alla povertà in Venezuela. Nel dicembre 2015 si tengono le elezioni legislative: il MUD ( federazione di partiti democristiani, liberali, socialdemocratici e centristi guidata dal COPEI e da Azione democratica) ha vinto 109 dei 164 seggi generali e tutti i tre posti indigeni, che hanno dato loro una supermaggioranza all’Assemblea Nazionale; mentre il PSUV ha vinto i restanti 55 posti. L’affluenza alle urne ha superato il 70 per cento.

L’opposizione a Maduro, e prima a Chavez, è guidata da personaggi alquanto ambigui, il più in vista è Leopoldo Lopez che nel settembre del 2015 il politico fu giudicato colpevole di incitamento alla violenza e condannato a 13 anni e 9 mesi di detenzione per le proteste del 2014. I legami di Leopoldo Lopez con la parte più a destra del Partito Repubblicano Statunitense sono noti e pubblici. C’è chi considera la sua carcerazione come una vendetta politica e chi lo ritiene responsabile di una strategia di destabilizzazione del paese.

Ne 2017 Maduro, per decreto presidenziale (e non tramite referendum, come successe nel 1999) convoca elezioni per un’Assemblea Costituente. Il sistema elettorale studiato per queste elezioni è pensato apposta per estromettere le opposizioni: ogni comune, a prescindere dalla grandezza, elegge un membro dall’assemblea, tranne Caracas che ne elegge 8 e le capitali degli stati (3). In più le organizzazioni sindacali eleggeranno propri rappresentanti. Le opposizioni sono forti soprattutto nelle grandi città dove si concentrano molte persone e per questo vinsero nel 2015, ma adesso il voto di milioni di residenti in una città vale come quello di qualche decina di abitanti di un villaggio rurale. I sindacati sono, da anni, emanazione del sistema governativo.
Le opposizioni non partecipano alle elezioni della Costituente.

La neonata Assemblea Costituente azzera le competenze del Parlamento venezuelano e si assume il potere di legiferare su temi di ordine pubblico, sicurezza nazionale, diritti umani, sistema socio-economico e finanze. Non viene posto limite temporale alla permanenza in carica della Costituente e il presidente della stessa ha poteri addirittura sopra il Presidente della Repubblica.

Il mandato di Maduro sarebbe finito a dicembre 2018, ma l’Assemblea Costituente, e non il Parlamento, indico elezioni anticipate per aprile, poi per maggio, Le opposizioni non riconoscono la validità di questa convocazione, per violazione della Costituzione e nella quasi totalità rifiutano di partecipare al voto. Diversi paesi, compresi gli Stati Uniti, il Canada, il Brasile, l’Argentina, il Cile, la Colombia e il Messico, avevano fatto sapere che non avrebbero riconosciuto il risultato delle elezioni presidenziali. Diverse organizzazioni internazionali, come l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani ma anche l’Unione Europea, avevano denunciato la mancanza di trasparenza e delle necessarie garanzie elettorali del voto.

Nicolás Maduro è stato rieletto presidente del Venezuela per un nuovo mandato di sei anni, con il 67,7 per cento mentre il suo principale avversario Henri Falcón, poco rappresentativo dell’opposizione venezuelana, ha ottenuto il 21,2 per cento.

Nel frattempo sono saliti a 3 milioni i venezuelani in fuga dal loro Paese: praticamente 1 cittadino su 12 ha lasciato il Paese. L’80 per cento è rimasto in America Latina, in primis Colombia, Perù ed Ecuador. I numeri sono superiori a quelli della crisi siriana.

In agosto il presidente Nicolas Maduro (nella foto) ha ufficialmente introdotto il corso della nuova valuta del Paese, il Bolívar soberano (“sovrano” in italiano). L’introduzione della nuova divisa ha di fatto sostituito il vecchio Bolívar forte con l’obiettivo di abbattere l’iperinflazione (un milione per cento all’anno) che strangola il Paese ormai da diversi anni. Rispetto alla vecchia moneta venezuelana, il Bolivar sovrano ha cinque zeri in meno (la banconota da 500 bolívar sovrani equivale a 50 milioni di bolívar forti). Il mercato non ha comunque apprezzato e anche il bolívar sovrano si è svalutato del 96% in un solo giorno

E arriviamo ai fatti di questi giorni: l’opposizione non riconosce Nicolas Maduro come Presidente, che invece è stato riconosciuto dell’Assemblea Costituente. La Camera, eletta democraticamente e controllata dall’opposizione, ha appena nominato Presidente provvisorio Juan Guaidò, non un vecchio dinosauro impresentabile o un turbocapitalista come Leopoldo Lopez, ma un 35nne ingegnere industriale presidente della Camera dal 5 gennaio e appartenente a un partito membro dell’Internazionale Socialista. Il Venezuela ha in questo momento due presidenti. Due giorni fa c’è stata l’insubordinazione di 27 elementi della Guardia Nazionale Bolivariana. Non un corpo qualsiasi, ma la spina dorsale del chavismo nell’esercito. E non sono gli unici rumori preoccupanti per Maduro che arrivano dalle caserme.

Una mediazione in extremis tra i poteri in Venezuela sarebbe l’unica forma per evitare un bagno di sangue…

ps: mi scuso per le semplificazioni ed imprecisioni, lo scopo è rendere l’idea di come siamo arrivati ad avere due presidenti in VN e nessuna speranza.

 

venezuela-esperanza-1-1

Tagged with:
 

Il processo elettorale ad Haiti sembra non aver fine e allo stesso tempo sembra interessare a una minoranza della popolazione.

Le tappe precedenti, per chi si fosse perso tra cancellazioni, rinvii e ricorsi:

  • a inizio gennaio 2015 è stato sciolto il parlamento poichè erano scaduti i 5 anni dall’elezione e nel 2014 non erano state convocate elezioni. Il presidente Martelly iniziò a governare per decreto nominando un primo ministro, Evans Paul, che aveva giocato un ruolo chiave nel golpe de estado del 2004 contro il presidente Aristide
  • ad agosto 2015 si sono svolte elezioni amministrative e il primo turno delle legislative con risultati in molti casi contesti e non riconosciuti
  • a fine ottobre 2015 si sono svolti i ballottaggi delle elezioni legislative e il primo turno delle presidenziali.
  • a dicembre si sarebbe dovuto svolgere il ballottaggio per l’elezione del presidente, poi rinviato a causa delle accuse di brogli a favore del candidato vicino al presidente uscente, Jovenel Moise
  • a gennaio 2016 viene nuovamente convocato il ballottaggio e nuovamente sospeso a causa del rifiuto dello sfidante Jude Célestin, di presentarsi alle elezioni.
  • a febbraio sono scaduti i 5 anni di mandato del presidente Martelly e lo stesso si è quindi dimesso. Dopo 7 giorni di assenza di presidenza il Senato (non ancora completo a causa del mancato riconoscimento del secondo turno delle legislativa) ha eletto il proprio presidente, Jocelerme Privet, presidente ad interim con l’obbligo de realizzare il secondo turno delle elezioni presidenziali ad aprile 2016 e lasciare il comando al nuovo presidente a maggio 2016 e comunque entro 120 giorni.
  • a giugno 2016, alla scadenza dei 120 giorni Haiti si trova di nuovo senza presidente poichè non sono state realizzate le elezioni e il presidente ad interim con il nuovo Comitato Elettorale Provvisorio ha deciso per l’annullamento del primo turno (di ottobre 2015) e la ripetizione completa del processo elettorale con una nuova data fissata per il 7 di ottobre. Privet rimarrà in carica comunque, anche se parte del parlamento non lo riconosce.
  • il 4 ottobre l’uragano Matthew colpisce Haiti lasciando tutto il sud isolato dal resto del paese. Vengono annullate le elezioni del 7 ottobre.

Arriviamo quindi ad oggi. Le elezioni, salvo sorprese (le previsioni meteo sono preoccupanti), si dovranno tenere domenica.

I candidati favoriti sono sostanzialmente gli stessi che si sono presentati più di un anno fa. Il numero totale degli aspiranti presidenti è calato da 56 a 27. Tra questi solo 4 hanno ricevuto più del 5% nelle elezioni, annullate, del 2015:

  • Jovenel Moise, produttore di una società di esportazione di banane nel nord del paese, rappresenta il Parti haitien tet kale (Partito haitiano delle teste calve) al potere, così chiamato in riferimento al celebre cranio rasato di Martelly. E’ il candidato del presidente uscente. E’ stato il vincitore del primo turno del 2015 con il 33% dei voti.
  • Jude Célestin, capo del partito Lapeh (Lega alternativa per il progresso e l’emancipazione di Haiti), era il candidato di Preval (presidente haitiano precendete a Martelly, aveva vinto il primo turno del 2010, poi escluso per brogli e dopo l’intervento in prima persona di Hillary Clinton) nel 2010 e in precedenza è stato direttore di un’agenzia di costruzioni governativa molto attiva nei mesi successivi al terremoto. Nel 2010 raggiunse circa il 22% dei voti, nel 2015 il 25%. Quest’anno ha ricevuto l’appoggio del cantante Wyclef Jean, che nel 2011 aveva tentato la scalata alla presidenza per poi appoggiare Martelly (pure lui cantante).
  • Jean-Charles Moise (Platfom Pitit Desalin) uno dei senatori “dissidenti” che si rifiutò a firmare l’accordo di gennaio 2015 che avrebbe portato all’estensione del mandato del parlamento in cambio di una possibile rielezione del presidente uscente. Nel 2015 raggiunse il 14% dei voti. Conta con la simpatia di Fidel Castro.
  • Maryse Narcisse, del partito Fanmi Lavalas, ovvero la formazione guidata da Aristide, già presidente in due occasione, entrambe terminate con un colpo di stato. Fu portavoce di Aristide durante il suo esilio forzato e attivista per i diritti umani. Nel 2015 raggiunse il 7% dei voti.

La novità potrebbe essere una donna, Edmonde Supplice Beauzile. Presidente del partito Fusion (Fuzyon Sosyodemokrat Ayiti), si presenta come outsider, già deputata e senatrice, nonostane in più occasioni il suo partito abbia appoggiato i precedenti presidenti Preval e Martelly.. E’ una specialista in materia di istruzione e ha lavorato come consulente per varie organizzazioni internazionali. Nel 2015 raggiunse lo 0,38%, ma sembra essere in ascesa.

Il livello di interesse ad Haiti rispetto a queste elezioni è molto scarso. L’affluenza potrebbe non raggiunger il 25%. Haiti è uno stato senza risorse, continuamente in situazione di emergenza, le persone sanno che qualsiasi presidente avrà ben poco da amministrare e sarà sempre dipendente dalle condizioni poste dalla potenze straniere, Stati Uniti, Francia, Canada, Brasile, su tutti. Il processo elettorale frammentato, contestato, rivisto e più volte riinviato non ha aiutato certo la stabilità, anzi accresce l’incertezza e le possibilità di decisione di gruppi di potere esterni al processo democratico, le ONG, le organizzazioni internazionali e gli impresari.
Intanto domenica non si potrà circolare con armi, bere alcolici o andare ai nightclub.

Tagged with:
 

La situazione è sempre così dannatamente equivoca tra Repubblica Dominicana e Haiti che anche gli aiuti umanitari sono motivo di scazzi.

Dopo l’urgano Matthew gli Stati Uniti hanno mandato 300 marines ad Haiti, il presidente dominicano Danilo Medina si è riunito con l’omologo haitiano (che è presidente ad interim non riconosciuto da tutte le forze politiche) per coordinare l’aiuto.

La Repubblica Dominicana è stata molto generosa e immediata nell’aiuto.

Ora, la situazione politica ad Haiti è la seguente: vi è un parlamento non pienamente eletto (molti seggi sono ancora vacanti), il presidente eletto ha lasciato il mandato nel febbraio 2016 per scadenza naturale, era stato eletto un presidente ad interim che avrebbe dovuto portare a nuove elezioni ad aprile, poi cancellate e convocate per domenica scorsa. Queste elezioni presidenziali sono state poi annullate a causa dell’uragano e riconvocate per il 20 novembre. Questa incertezza crea delle lotte politiche e una necessità di visibilità tra le varie fazioni politiche.

Alcuni senatori in cerca di visibilità hanno fatto un’interpellanza per chiedere al governo di dare 24 ore ai militari dominicani per lasciare il paese, questo dopo che un giornale haitiano aveva pubblicato in prima pagina una foto di un soldato dominicano armato di tutto punto mentre accompagnava uno dei convogli di aiuti umanitari.

I giornali dominicani hanno preso questa notizia per titolare che gli haitiani (tutti) disprezzano l’aiuto umanitario dominicano, cavalcano cosí l’onda già presente da qualche giorno del malcontento nazionale verso l’appoggio al paese vicino.

A nulla è valso il chiarimento del presidente Danilo che ha assicurato che non vi sono più, già da tempo, soldati dominicani in territorio haitiano, ormai la macchina è avviata e allora ecco un ex presidente che dichiara che se gli haitiani non vogliono il cibo dominicano che lo restituiscano, e via così…

sempre alimentando l’idea che i due popoli non possano parlarsi.

E nessuno critica la presenza militare statunitense.

cu44um3ukaa0bx8

Tagged with:
 

Jocelerme Privert era entrato in carica il 14 febbraio 2016 dopo che il mandato del presidente di Haiti Martelly si era concluso il 7 febbraio senza che fosse eletto un suo successore.

Il Parlamento haitiano scelse allora il presidente del Senato affidando un incarico ad interim con degli obiettivi ben chiari: la celebrazione del secondo turno delle presidenziali il 24 aprile e l’insediamento il 16 maggio, il suo mandato non poteva durare più di 120 giorni. Il processo elettorale non era stato per nulla semplice, rinviato per anni l’elezione del nuovo parlamento, Martelly ha governato tutto il 2015 in solitaria, le elezioni, iniziate in agosto, sono state contestate ad ogni livello e dopo il primo turno presidenziale di ottobre non si è riusciti a realizzare il ballottaggio, convocato e cancellato 3 volte.

Ora siamo di nuovo ad un punto in cui Privert non è riuscito a rispettare le scadenze previste. La commissione creata per analizzare i risultati del primo turno ha suggerito di annullare le elezioni e ripeterle per interno, almeno al livello presidenziale, oltre che per 39 deputati e 3 senatori. Il nuovo calendario previsto dal Consiglio Elettorale Provvisorio prevede un nuovo primo turno il 9 di ottobre 2016 e il ballottaggio in gennaio 2017.

Martedì scorso sono scaduti i 120 giorni del mandato ad interim. Il Parlamento avrebbe dovuto riunirsi per decidere cosa fare, ma non l’ha fatto. Opposte fazioni ritengono automaticamente rinnovato il mandato fino ad una decisione diversa, oppure dichiarano decaduto automaticamente il presidente. Il presidente della Camera ha dichiarato di ritenere legittimo presidente in carica l’attuale primo ministro Enex Jean-Charles.

La situazione nel paese per il momento è tranquilla visto che le persone stanno lottando contro l’epidemia di Zika e contro la peggiore crisi alimentare degli ultimi 15 anni.

Tagged with:
 

E’ passata una settimana dalle elezioni presidenziali, legislative e amministrative in Repubblica Dominicana che hanno determinato gli incarichi per i prossimi 4 anni.

Tutte le figure elette entreranno in carica il 16 agosto, ma, nel frattempo, il conteggio procede lentamente, soprattutto per quel che riguarda il livello amministrativo, l’unico conteso.

Questa la prima pagina del principale quotidiano dominicano, tendenzialmente favorevole al governo, di oggi:

CjERTqJUgAAwLdI

Elezioni presidenziali: record di preferenze per Danilo Medina.

I dati più aggiornati riguardano il 95,5 % dei seggi e non lasciano alcun dubbio su chi sia il vincitore di queste elezioni: Danilo Medina, il presidente uscente del Partito della Liberazione Dominicana (PLD), raggiunge il 61,76% dei voti validi. Luis Abinader, principale sfidante, si ferma al 34,99% dei voti. Gli altri candidati hanno valori minimi: Guillermo Moreno (Alinaza Pais) non supera il 2%, tutti gli altri sono sotto lo 0,5%. Danilo Medina registra l’indice di gradimento più alto della storia dominicana, superando il record precedente del 57% di Leonel Fernandez (2004, PLD), un risultato che non lascia alcun dubbio sulla volontà dei cittadini dominicani di continuare con la gestione del presidente uscente che è stato in grado di segnare un cambio rispetto alla gestione precedente di Leonel, pur essendo dello stesso partito. Gli elementi più importanti sono, probabilmente, l’aver raddoppiato l’investimento dell’educazione, l’aver impostato una rete di asili pubblici, lo sviluppo di una rete di microcredito, la realizzazione di alcune opere viarie di grande importanza e impatto, l’aver rinegoziato i permessi di estrazione dell’oro ad opera di compagnie straniere e, soprattutto, l’essersi presentato come una persona in grado di rispettare ed ascoltare i cittadini.

Il successo è stato anche quello del suo partito il PLD in grado di raccogliere nella scheda presidenziale più del 50% delle preferenze (nel 2012 aveva meno del 38% dei voti), dimostrando di essere in grado, anche da solo, di vincere le elezioni. Tra gli alleati l’unico risultato degno di nota è quello del Partito Revolucionario Dominicano (PRD) che raccoglie meno del 6%. Il PRD è stato da sempre il principale oppositore del PLD e 4 anni fa aveva raccolto oltre il 42% dei voti. Il PRD, vale la pena ricordare, ha sofferto la scissione di parte dei suoi dirigenti che hanno dato vita al PRM che ha raccolto quasi il 27% dei voti.

Elezioni legislative: Maggioranza assoluta per il PLD che perde alcuni senatori.

La situazione di partenza era di quelle irripetibili. Il PLD e alleati nel 2010 avevano conquistato 31 senatori su 32 mentre il restante, il senatore di Higuey, si era comunque alleato al PLD. Alla camera l’alleanza poteva contare con 105 su 178 deputati. Quest’anno il risultato non è mai stato in bilico, ma l’alleanza PRM – PRSC conquista 3 senatori (nelle province di San Pedro de Macoris, Puerto Plata, El Seibo) mentre il Bloque institucional Socildemocrata (BIS) conquista la provincia di San José de Ocoa, mentre nel resto del paese è alleato del PLD. Il questo scenario il PLD e alleati potranno contare su 29 senatori su 32.

Ad oggi  non esiste ancora un’assegnazione ufficiale dei posti da deputato. Si profila una larga maggioranza per il PLD. Unico dato certo è che due dei partiti non alleati con gli schieramenti principali, Alianza Pais e il Partito Quisqueyano Demócrata Cristiano avranno un rappresentate grazie alla legge che definisce il diritto di rappresentanza (Diputado Nacional) per le realtà politiche che, non alleate con altri, raggiungono almeno l’1% dei voti ma non eleggono deputati in nessuna provincia. Il ritardo nell’assegnazione dei deputati è uno dei punti più contestati del processo post-elettorale, insieme a diverse amministrazioni locali.

Elezioni amministrative: cambiano colore tutte le principali città

I grossi cambi, e le sorprese, si sono avuti nelle elezioni comunali dove i sindaci erano in carica dal 2010. Sembra che un governo lungo di sei anni non abbia giovato alla popolarità degli amministratori locali. La prima grande sorpresa si è avuta a Santo Domingo (Distrito Nacional) dove il sindaco uscente del PLD, Roberto Salcedo, ha perso nettamente contro il candidato dell’alleanza PRM – PRSC mettendo fine a un governo di 10 anni. Anche Santiago cambia colore passa dal PRD a un monocolore PLD con il sindaco uscente, Gilberto Serrulle, che raccoglie solo il 10%. Terza città per importanza, San Fransisco de Macoris e terzo cambio, da PLD a PRM. Cambiano amministrazione anche San Cristobal, Santo Domingo Norte, passate al PLD, La Vega, Nagua, Samanà e Moca, passate al PRM. Boca Chica è stata vinta dal BIS (contro un candidato del PLD). Risultati a sorpresa nei piccoli comuni di Las Charcas (Azua) dove vince il candidato di Alianza por la Democracia, e Fundación (Barahona) con il candidato de Frente Amplio.

Le elezioni amministrative sono quelle che hanno causato maggiori proteste e accuse di brogli con casi di incendio delle urne elettorali come a Santo Domingo Norte e la richiesta di annullamento dell’intero processo come a Santo Domingo Este.

I manifesti di Roberto Salcedo (PLD) a Santo Domingo

I manifesti di Roberto Salcedo (PLD) a Santo Domingo

In generale sei dei sette candidati alla presidenza sconfitti hanno firmato un documento in cui denunciano brogli e irregolarità, per la maggior parte dovuti al cattivo funzionamento degli scanner per il conteggio elettronico dei voti. Strumento al centro del dibattito degli ultimi giorni di campagna elettorale.

 


Si è votato nella giornata di ieri in un clima, tutto sommato abbastanza tranquillo. Il presidente uscente Danilo Medina, 64 anni, puntava ad una riconferma già al primo turno con l’obiettivo di superare il 60% dei voti e, a scrutinio ancora in corso, sembra che vi sia riuscito. Il dato più aggiornato sul conteggio dei voti (55% dei seggi), lo vede al 62% con il principale avversario, Luis Abinader, fermo al 35%. Gli altri candidati non arrivano al 2%.

Non sono ancora disponibili i dati del congresso anche se è probabile che il PLD del presidente Danilo Medina, e gli alleati, abbiano la quali totalità dei senatori (circa 28 su 32).

In bilico alcune città importanti come Santo Domingo e San Francisco de Macoris dove l’opposizione potrebbe registrare gli unici successi rilevanti.

La vittoria è stata chiara, senza lotta e senza sorprese. Il PLD, partito che in un’ottica forzatamente europea potremmo definire tra il centro e il socialdemocratico, si conferma al governo, ruolo che ricopre senza interruzione dal 2004 mentre Danilo registra uno dei massimi risultati per un presidente. Nel 2012 era stato eletto con il 51% dei voti, mentre il suo predecessore Leonel Fernandez aveva registrato quasi il 54% nel 2008 (era presidente uscente) e il 57% nel 2004. Nel 2000 Hipolito Mejia risultò eletto al primo turno con il 49.87% dopo che lo stesso Danilo Medina (che aveva ottenuto il 24.94% dei voti e il diritto a partecipare al ballottaggio) rinunciò alla corsa.

La forza di Danilo è stata, oltre che l’appoggio dell’apparato statale, la vicinanza con la gente, il presentarsi come persona semplice e capace di capire i problemi, ma anche i risultati di 4 anni di governo con grandi investimenti in educazione, sociale e opere pubbliche e la crescita economica costante. Molti i punti interrogativi della sua gestione, uno su tutti la corruzione, ma che il candidato dell’opposizione non ha saputo sfruttare a suo favore essendo incapace di presentare una proposta alternativa e credibile. In attesa dei dati definitivi della Camera, va registrata la quasi scomparsa elettorale dei cosiddetti partiti minori che potranno festeggiare se riusciranno ad eleggere, con Alianza País, uno o due deputati.

Dati parziali

Dati parziali


Ecco, la legge Cirinnà sulle unioni civile è stata approvata. Meglio di niente.

C’è però un grosso problema, a mio avviso, limita le Unioni Civili alle coppie omosessuali creando così una discriminazione per orientamento sessuale.

Commentando un post della compagna di Jacopo Fo, Eleonora Albanese, ho suggerito loro di chiedere il riconoscimento come Unione Civile e poi fare ricorso alla Corte Costituzionale quando gli sarà negato. Ecco, sembra che l’idea sia piaciuta e Jacopo Fo l’ha rilanciata su il Fatto Quotidiano. Quindi quando vinceranno la causa potrete dire di sapere chi gli ha dato l’idea!

coppie di fatto


Tra una settimana esatta si vota in Repubblica Dominicana per il rinnovo del presidente, parlamento e tutte le amministrazioni comunali. E’ la prima volta dal 1994 che le elezioni presidenziali e legislative tornano ad unificarsi dopo un lungo dibattito che 6 anni fa portò alla decisione di stabilire un mandato straordinariamente lungo di 6 anni per legislatori e amministratori.

Per provare a spiegare la situazione elettorale attuale, che ha visto rompersi alleanza storiche e formarsi di inedite, ho scritto un articolo per Termometro Politico, che vi invito a leggere.

201604040342512

In un solo giorno i cittadini dominicani voteranno per presidente, vicepresidente, 32 senatori, 190 deputati, 20 rappresentanti al Parlamento Centroamericano, 158 sindaci e vicesindaci e 1.164 consiglieri comunali, oltre a direttori e sindaci dei distretti comunali e delle sezioni rurali.

Tutto ciò porta a un sovrannumero di candidati se si pensa che i partiti riconosciuti e presenti sulla scheda elettorale sono 26.

I candidati alla Presidenza della Repubblica sono 8. Il presidente uscente, Danilo Medina, appare in 15 spazi sulla scheda elettorale, mentre il suo principale oppositore, Luis Abinader, in 5.

Danilo Medina (PLD) è stato eletto per la prima volta presidente 4 anni fa, nel 2012, dopo aver sconfitto il candidato del PRD Hipolito Medina, che, a sua volta, lo aveva battuto alle elezioni del 2000.

Leggi l’articolo completo su Termometro Politico


Il 25 aprile è un po’ il compleanno della mia famiglia.

Uno di quei momenti che non puoi non festeggiare.

Sarà per lo zio Peppino che alla lotta partigiana prese parte fin da subito, ben prima del 1943. E che aveva piacere nel raccontare i fatti che portarono alla Liberazione ma che alla domanda su “chi fossero i fascisti di Cernusco”, preferiva non rispondere perchè ormai non era più importante, e che finì la sua storia andando a visitare quasi ogni giorno la statua del milite ignoto in un parco di Berlino, quel milite che fu suo nemico e ora era suo compagno.

Sarà per il nonno Gianni che non ha mai conosciuto nessun suo nipote, compagno di brigata dello zio, e della cui vita so poco, ma quel poco che so aveva a che fare con la sua voglia di libertà.

Sarà per la zia Maria, sorella del nonno Gianni e moglie dello zio Peppino, staffetta partigiana, donna forte e decisa, la cui foto più cara era quella con il suo futuro sposo dopo un’azione partigiana nel centro di Milano, ritratti da un fotografo mentre nascondeva l’arma dello zio.

Sarà che i miei genitori si sono conosciuti al matrimonio del figlio della zia Maria e dello zio Peppino, che senza la lotta partigiana chissà se si sarebbero mai incontrati.

Sarà che la manifestazione di Cernusco che oggi vede il sindaco e la banda che suona Bella Ciao e Venceremos, nacque qualche decennio fa grazie alla testardaggine di un gruppo di giovani e di Stefano.

Sarà che la manifestazione del 25 aprile finisce davanti alla lapide che ricorda i partigiani Mattavelli e Riboldi, uccisi il 24 aprile 1945, una manciata di secondi prima che lo zio Peppino potesse arrivare in loro appoggio. Se ci fosse stato anche lui con loro, forse non ci sarei stato io.

Sarà che il 25 aprile è stato per anni manifestazione e pranzo in famiglia. Tutti.

Sarà per Serena che oggi, che siamo lontani da Cernusco, ci ha svegliato con le foto e i video della manifestazione, per farci sentire più partecipi.

Sarà che uno dei riti di passaggio della mia adolescenza è un pomeriggio del 25 aprile alla mia prima manifestazione milanese con Erica, Roberto e Daniele (non ricordo se c’era anche Stefano :-)), credo fosse il 1996.

Sarà che è l’unica festa italiana che ho voluto diventasse festa anche per Gladis.

Sarà che mi è stato insegnato che la Resistenza non finì nel 1945 ma è quell’anelito che ci spinge sempre a cercare di migliorare il mondo in cui viviamo, con la tristezza che i partigiani veri hanno portato dentro tutta la vita per essere stati obbligati a dover ricorrere alle armi, con la speranza che il domani sarà migliore.

Sarà per tutto questo, ma oggi, a 7.000 km di distanza dalle terre dove si è combattuto per la libertà, mi prenderò il pomeriggio libero dal lavoro per insegnare Bella Ciao a mio figlio. Che mi sembra un bel modo per festeggiare il compleanno della nostra famiglia.


Esattamente 7 giorni dopo la fine del mandato del presidente Martelly (7 febbraio), il parlamento di Haiti ha nominato un nuovo presidente ad interim che rimarrà in carica, secondo le previsioni, fino al 16 maggio, quando dovrebbe essersi concluso il travagliato percorso elettorale.

Il giorno prima di terminare il mandato Michel Martelly aveva firmato un accordo con il Presidente del Senato Jocelerme Privert e con quello della Camera Cholzer Chancy che prevedeva: la nomina da parte del parlamento di un presidente, l’organizzazione del ballottaggio per le presidenziali (e i seggi non ancora assegnati) il 24 aprile e l’insediamento del nuovo presidente il 16 maggio. Questo accordo è stato rifiutato dal gruppo di partiti dell’opposizione denominato G8, a cui ha aderito anche Celestin, candidato che dovrebbe correre nel ballottaggio presidenziale, che chiedono l’annullamento di tutto il percorso elettorale del 2015 (rinnovamento del parlamento e delle cariche amministrative, altre che il primo turno delle presidenziali) perchè lo ritengono fortemento viziato da brogli filogovernativi. In particolare ritengono l’attuale Parlamento parte del problema e quindi incapace di essere parte della soluzione. L’aacordo, invece, è stato visto di buon occhio dall’Organizzazione degli Stati Americani, USA e Unione Europea.

Fatto sta che ieri, in assemblea plenaria, con presenti 23 senatori su 30 (6 posti sono ancora vacanti) e 92 deputati su 130 (27 seggi non sono ancora stati assegnati), alla seconda votazione, il presidente del Senato, firmatario dell’accordo con Martelly, Jocelerme Privert è risultato eletto come presidente a interim.

Jocelerme Privert non appartiene al gruppo politico che sostiene Martelly, anzi è stato ministro  (2002) con l’ex-presidente Aristide, il mandato è stato interrotto da un colpo di stato. Dopo la caduta del governo, segue le disavventure del suo primo ministro – Yvon Neptune – ed è stato arrestato nella sua casa il 4 aprile 2004. E’ rimasto tredici mesi in prigione. Il 12 aprile 2005, a seguito di un tentativo di ammutinamento nel carcere, si ritrova in strada ma si rifiuta di fuggire e trona nella sua cella fino al suo rilascio nel 2006. Nel 2008 il presidente Preval (sostenitore della candidatura di Celestin) lo nomina suo consigliere economico.

La sua elezione è stata ben accolta anche dal gruppo dei G8 e dal partito Lavalas di Aristide, tutti presenti al suo insediamento. E questa è una nota positiva perchè nelle dichiarazioni del giorno precedente avevano annunciato che non avrebbero riconosciuto il nuovo presidente. Oggi continuano a chiedere un’indagine indipendente sulle elezioni del 2015.

Tagged with:
 

Tra tre giorni Haiti potrebbe ritrovarsi senza presidente, mentre il primo ministro si è dimesso ieri e il Parlamento è ridotto a pochi rappresentanti.

Tutto questo è stato generato da una serie di cancellazioni di tornate elettorali che non hanno permesso completare il processo di scelta dei rappresentanti del popolo, mentre le spaccature aumentano e i contrasti, anche violenti, incendiano letteralmente le strade del paese.

Per Termometro Politico ho ripercorso i 5 anni del governo del Presidente Martelly tra elezioni cancellate e accuse di colpi di stato. Anni che, anzichè rafforzare il controllo dello Stato, ne hanno indebolito la capacità di incidere sulle sorti della nazione.

Qui trovi l’articolo completo.

haiti tp

Tagged with:
 

Il 12 gennaio 2010 è la data che a Port-au-Prince segna un prima e un dopo. Prima miseria, povertà, violenza, colpi di stato, dopo miseria, povertà, violenza, democrazia zoppa, e milioni di dollari versati sull’isola e da questa usciti. Il terremoto che ha colpito la capitala haitiana, lascando 300.000 morti e un milione e mezzo di senza tetto è stato un gran affare per una parte della cooperazione internazionale e per un parte politica, e una grande tragedia, che si è sommata a molte altre, per il popolo haitiano.

Sono passati sei anni da quando la terra tremò, Gou­dou Gou­dou, e la situazione non è certo delle migliori, anzi.

Non molto è cambiato nell’ultimo anno. Qui raccontavo la situazione esattamente un anno fa.

Il disastro iniziò nei giorni successivi al terremoto quando la cooperazione internazionale decise di implementare la strategia dei campi profughi attraverso l’installazione di tende T-Shelter in aree lontano dalla città. Si crearono, quindi, ampie zone popolate senza servizi basici, con strutture temporali (perchè si pensava dovessero durare massimo tre mesi), lontane dalle zone in cui la gente viveva e in cui aveva relazioni famigliari, sociali ed economiche. Nei campi arrivarono oltre 1.500.000 persone. Le tende non sono pensate per resistere al clima tropicale (sono nate per le zone aride del sahara), non hanno intimità, non garantiscono sicurezza igienica.

Questo sistema fu sviluppato fino ad ottobre 2011, cioè quasi due anni dopo il terremoto. Quello che doveva essere una soluzione temporanea per massimo tre mesi, divenne la principale strategia di intervento, drenando molte risorse internazionali. La società haitiana aveva chiesto che anzichè queste costose, e fragili, strutture si intervenisse fornendo legno e lamiera alle famiglie colpite che, come han sempre fatto, si sarebbe ricostruita la propria casa. In due anni si costruirono 96.000 case temporanea, 4.600 nueve case e si ripararono solo 6.600 case delle otre 250.000 distrutte dal sisma.

Mentre il Segretario di Stato Hillary Clinton interveniva direttamente nel processo elettorale del 2011 promuovendo l’esclusione del candidato Celestin a favore del cantante Martelly (vedi qui), la popolazione, stanca della situazione dei campi, iniziò una autoricostruzione delle case, senza materiale, senza soldi e senza aiuto internazionale. Finalmente nel 2012 iniziò una politica di chiusura dei campi con il programma 16/6, ovvero spostare gli abitanti di 6 campi in 16 nuovi quartieri. Peccato che la maggior parte di questi fosse in zone ad altissimo rischio sismico.

Il sussidio per l’affitto è stato lo strumento più scelto dai beneficiari, ma senza una corretta espansione del patrimonio edilizio, ha promosso l’addensamento abitativo, in uno spazio in una stanza dove vivevano prima del terremoto 4 persone, ora ne vivono 6, si è verificato l’aumento dei prezzi di affitto, l’aumento di autocostruzione in zone ad alto rischio e l’ampliamento dell’area urbana della capitale. La precarietà in cui si sono trasferite molte delle famiglie che vivevano prima nei campi ha portato a definire che la delocalizzazione, come attuata a Port au Prince, può costituire una forma più sofisticata di sgombero forzato.

Vari studi internazionali sostengono che la capitale haitiana, dopo sei anni dal terremoto e 15 miliardi di dollari di aiuti internazionali è più impreparata ad un nuovo terremoto di come si trovava nel 2010. Cattive pratiche di costruzione, case in aree ad alto rischio, la mancanza di una rete sismica nel paese, e il processo di ricostruzione scoordinata e diretto verso soluzioni alternative lasciano, sei anni dopo, una città di variegate forme, instabile fragile, sostenuta dall’ingenio dei suoi abitanti e costruita da attori con interessi discordanti. A fine 2015 si calcola che più di 50.000 persone stiano ancora vivendo nelle residenze “temporanee”.

Gli scandali legati alla ricostruzione sono moltissimi. Quello di maggior impatto forse è stato quella della Croce Rossa statunitense. Inizialmente aveva previsto un investimento di 97 milioni di dollari per costruire 15.000 nuove case, poi ridotto nel 2013 a 59 milioni per 2.249. Allo stato attuale sono state costruite circa 900 case. Oppure il caso della fondazione Yele del popolare rapper Wyclef Jean che raccolse 16 milioni di dollari nel 2010 per spenderne 4 in spese di gestione e andare in liquidazione nel 2012.

Se vi fossero ancora dei dubbi su chi abbia tratto vantaggio dai milioni di dollari arrivati ad Haiti dopo il terremoto basta guardare questo grafico:

B7apEmIIEAEywwi

Meno dell’un per cento dei soldi spesi dall’agenzia statunitense di cooperazione è stato gestito da organizzazioni i dal governo haitiano. Il resto è rimasto sotto il controllo di ONG statunitensi o direttamente di imprese private (come quelle che hanno gestito la rimozione delle macerie). I progetti finanziati sono stati, per esempio, lo studio per la creazione di un nuovo porto commerciale a nord di Haiti, costato 4 milioni e mezzo di dollari e mai consegnato.

Si dovrebbe anche parlare del colera, assente sull’isola da oltre un secolo e tornato con i caschi blu nepalesi (vedi articolo dedicato) che ancora oggi sta portando morti ad Haiti. Ricordiamoci che la prima conferenza internazionale per l’eliminazione del colera ad Haiti si è tenuta ad ottobre 2014, vuol dire 4 anni dopo la sua apparizione sull’isola. Si calcola che, con i giusti investimenti, ci vorranno 40 anni per eliminare questa malattia dall’isola.

colera

Nell’ultimo anno la situazione politica è degenerata. A gennaio Haiti si è trovata senza Parlamento dopo che è scaduto il mandato di quello in carica e che non sono state realizzate nuove elezioni. Il presidente Martelly ha deciso di proseguire governando per decreto e nominando come primo ministro (mai rettificato dal Parlamento) un personaggio coinvolto nel golpe di stato contro Aristide nel 2004: Evans Paul. Il processo elettorale, iniziato ad agosto, non si è ancora concluso e si sono registrati scontri e proteste per brogli ad ogni turno. Ad ottobre si è tenuto il primo turno per le elezioni presidenziali con oltre 50 candidati. I risultati sono stati contestati da tutti i partiti dell’opposizione e il ballottaggio tra il candidato presidenziale Moise e lo sfidante Celestin (quello già estromesso su pressione degli USA nel 2011) è stato rinviato dal 27 dicembre al prossimo 17 gennaio. I principali 8 partiti di opposizione hanno richiesto oggi la sospensione del processo elettorale e la nomina di un governo di transizione, dopo che un comitato appositamente nominato ha registrato brogli in più della metà dei seggi controllati, il report finale non è stato firmato dal rappresentante delle organizzazioni non governative, perché, a suo dire, si sarebbe dovuto procedere con il riconteggio globale delle schede.

Per capire un po’ la figura di Moise (mentre Celestin non ha ancora confermato l’intenzione di correre per il ballottaggio) basta sapere che nel 2014, ha lanciato una compagnia di espoetazioni di banane in joint venture con il governo in un terreno di circa 2.470 acri (1.000 ettari) a nord-est di Haiti, con un prestito di 6 milioni di dollari approvato dall’amministrazione Martelly. Moise si riferisce con orgoglio a se stesso con il nome di  “Neg Bannann” – Banana Man in creolo haitiano.

Nel frattempo sono avvenuti vari eventi molto discussi, tra cui l’approvazione di una legge sull’estrazione mineraria tanto cara alle multinazionali.

La situazione ambientale è il vero problema di Haiti. La deforestazione estrema ha esposto il paese ad inondazioni, uragani e frane. La cooperazione internazionale, con poche eccezioni, si è disinteressata a questa tematica non contribuendo ad uno sviluppo sostenibile del paese.

In sintesi, la situazione è ancora molto brutta, anche se i riflettori su queste terre si accendono solo il 12 gennaio, per un paio di servizi sull’anniversario del sisma, qualche foto sulla (mancata) ricostruzione e poi il nulla per un altro anno.

Per chi volesse approfondire continuo a suggerire il libro che ho curato con Helga: “Haiti: l’isola che non c’era“, IBIS edizioni. Dateci un’occhiata.


Pur in ritardo di tre giorni risptto i tempi promessi, sono arrivati oggi i risultati del primo turno delle elezioni presidenziali ad Haiti.

Non si sono grandi sorprese rispetto a quanto previsto:

vanno al ballottaggio il candidato appoggiato dal presidente uscente, Jovenel Moise, e il principale candidato dell’opposizione, Jude Célestin, legato all’ex presidente Preval.

Questi i numeri diffusi dal Comitato Elettorale Provvisorio:

Jovenel Moïse (PHTK) 511,992 votes 32.81%
Jude Célestin (LAPEH) 394,390 votes 25.27%
Moïse Jean Charles (Pitit Dessaline) 222,646 votes 14.27%
Maryse Narcisse (LAVALAS) 110,049 votes 7.05%
Jean Baptiste Eric (MAS) 56,671 votes 3.63%
Jean Henry Céant (Renmen Ayiti) 39,005 votes 2.50%
Sauveur Pierre Étienne (OPL) 30,227 votes 1.94%
Ivenson Steven Benoit (Konviksyon) 17,851 votes 1.14%
Steeve Khawly (Bouclier) 16,791 votes 1.08%
Samuel Madistin (MOPOD) 13,656 votes 0.88%

Dopo l’annuncio dei risultati sono scattate le proteste dei sostenitori dei candidati esclusi, e già si registra un morto. La differenza tra il secondo e il terzo fa pensare che non vi sarà molto spazio per evenutali ricorsi. Il ballottaggio dovrebbe tenersi il 27 di dicembre. Non sono ancora stati diffusi i risultati delle elezioni legislative e comunali.

Jude Celestin aveva annunciato la sua volontà di non correre per il ballottaggio denunciando frodi e brogli da parte del Governo a favore di Moise.

Tagged with:
 

Questa storia sta diventando un caso internazionale che può rischiare di cambiare il panorama politico francese.

Tutto inizia nel marzo del 2013 quando due piloti francesi in procinto di partire con un Falcon da Punta Cana (Repubblica Dominicana) alla volta di Saint-Torpez (Francia) vengono fermati dalla polizia dominicana quando si scopre che a bordo hanno 700 kg di cocaina (per un valore commerciale di 30 milioni di euro). I due vengono condannati in agosto 2015 a 20 anni di prigione, ma, avendo chiesto l’appello, si trovano agli arresti domiciliari.

I due piloti, Pascal Fauret e Bruno Odos, però non sono rimasti tranquilli a casa in attesa del nuovo giudizio, ma, con l’aiuto di amici ex militari francesi, sono scappati in veliero fino a MArtinica per poi volare in Francia dove la polizia transalpina li ha arrestati e avviato nuove indagini. Già questo bastava per creare scompiglio in Repubblica Dominicana con l’opposizione che accusa il Governo di incapacità, se non di complicità, nella gestione della custodia.

Ora però appare una foto dei piloti in fuga verso Martinica.

Pascal Fauret e Bruno Odos, tra di loro Pierre Malinowski, secondo France TV Info

Nella foto, secondo France TV Info, ci sarebbe Pierre Malinowski, ovvero, un ex militare della Legione Straniera nonchè l’assistente parlamentare di Jean-Marie Le Pen, fondatore e presidente a vita del Frente Nacional, nonché padre dell’aspirante presidentessa Marine Le Pen.

In un comunicato Jean-Marie Le Pen afferma:

“être totalement étranger” aux péripéties de l’affaire Air Cocaïne. “Monsieur Pierre Malinowski est un assistant parlementaire européen que je partage dans le cadre d’un mi-temps avec monsieur Aymeric Chauprade, dont il est très proche. Dans ces conditions, il n’y a aucune raison valable pour que mon nom soit associé au développement de ce dossier”

Di fatto chiamandosi fuori e scaricando le eventuali colpe politiche sul collega di partito Aymeric Chauprade, anche lui a bordo del veliero utilizzato durante la fuga, e che rivendica l’idea della fuga in un’intervista.

Se tutto ciò non bastasse, nella vicenda trovano posto anche due ex presidenti:

Nikolas Sarkozy è sotto inchiesta per aver volato per tre volte con la stessa compagnia dei due piloti. La magistratura francese si sta riservando il diritto di individuare eventuali collegamenti.

Il deputato del Frente Nacional, invece, è stato in passato ospite in molte occasioni della fondazione guidata dall’ex presidente della Repubblica Dominicana, Leonel Fernandez.


electionlisty-haiti-master1050Ieri si è tenuta la seconda delle tre giornate elettorali che segnano il 2015. Ieri si votava per il primo turno del Presidente della Repubblica, il secondo turno del Parlamento e i comuni.
Una situazione già complessa di suo, ma molto più difficile da gestire se si pensa che i soli candidati alla Presidenza della Repubblica erano 54.

Risulta difficile fare il quadro completo della situazione e capire se vi sarà bisogno del ballottaggio presidenziale, che sarebbe il 27 dicembre, ma qualche notizia si può dare.

Ricordiamo che attualmente la situazione politica vede il Parlamento sciolto ad inizio anno e un Presidente, Martelly, che governa in solitaria per decreto, affiancato dal primo ministro Evans Paul, già parte del golpe di stato che pose fine alla presidenza di Aristide nel 2004. Nel 2010 le elezioni, previste per febbraio, vennero cancellate a seguito del terremoto che colpì Port-au-Prince, quando a fine anno si andò a votare, al primo turno passarono inizialmente Mirlande Manigat e Jude Célestin(delfino dell’allora presidente René Preval). Dopo proteste di alcuni settori e la “mediazione” degli Stati Uniti con l’intervento personale di Hillary Clinton, Célestin fu escluso dal ballottaggio a favore del cantante Michel Martelly che, sorprendendo tutti, triplicò i voti che aveva preso e vinse le elezioni. La presidenza di Martelly è stata segnata da scandali, da instabilità politica (5 primi ministri) e da grandi concessioni alle multinazionali straniere.

I pretendenti alla presidenza sono molti, abbiamo detto. I principali sono:

  • Jovenel Moise, produttore di una società di esportazione di banane nel nord del paese, rappresenta il Parti haitien tet kale (Partito haitiano delle teste calve) al potere, così chiamato in riferimento al celebre cranio rasato di Martelly. E’ il candidato del presidente uscente.
  • Jude Célestin, capo del partito Lapeh (Lega alternativa per il progresso e l’emancipazione di Haiti), come abbiamo detto, era il candidato di Preval nel 2010 e in precedenza era direttore di un’agenzia di costruzioni governativa molto attiva nei mesi successivi al terremoto. Nel 2010 raggiunse circa il 22% dei voti.

dopo di loro seguono molti candidati cosiddetti minori, ma che potrebbero riservare sorprese:

  • Maryse Narcisse, del partito Fanmi Lavalas, ovvero la formazione guidata da Aristide, già presidente in due occasione, entrambe terminate con un colpo di stato. Fu portavoce di Aristide durante il suo esilio forzato e attivista per i diritti umani.
  • Charles Henri Baker, del partito Regwoupman Sitwayen Pou Espwa, al terzo tentativo dopo quello del 2006 (terzo con 8,24% dei voti) e del 2010 (sesto con 2,38%)
  • Jean-Charles Moise (Platfom Pitit Desalin) uno dei senatori “dissidenti” che si rifiutò a firmare l’accordo di gennaio 2015 che avrebbe portato all’estensione del mandato del parlamento in cambio di una possibile rielezione del presidente uscente
  • Jean Henry Céant (Renmen Ayiti) un avvocato al secondo tentativo di elezione, nel 2010 arrivò quarto con l’8,18% dei voti, all’epoca era il candidato appoggiato da Fanmi Lavalas, che in quell’occasione non potè presentarsi alle elezioni.

Ad Agosto si votò per il primo turno delle elezioni legislative, inizialmente previsto in maggio. L’affluenza fu del 17,82%. Il secondo turno fu cancellato e accorpato con le elezioni presidenziali.

I dati sulle elezioni di ieri non ci sono ancora. Si parla della possibilità di avere dati parziali sul presidente intorno alla fine della prima settimana di novembre, e i definiti per la fine del prossimo mese. Tutto fa pensare che il ballottaggio presidenziale si terrà con molta difficoltà il 27 dicembre. E questo potrebbe voler dire che non si avrà un presidente eletto in tempo per gennaio 2016, quando scadrà il mandato di Martelly. Nella storia moderna di Haiti non c’è stato un presidente che abbiamo concluso il suo mandato nei tempi previsti (o interrotto prima o prolungato). Il ballottaggio sarà necessario se nessun candidato raggiunge la maggioranza assoluta dei voti o un vantaggio di 25 punti sul secondo.

La giornata di ieri è stata relativamente tranquilla. La polizia parla di 234 arresti e 13 pistole confiscate, anche se la accuse di poco trasparenza e di brogli arrivano da un po’ tutto il paese. In 8 sezioni (su poco meno di 14.000) il voto è stato annullato. Oggi le scuole sono rimaste chiuse per sicurezza.

Diversi gruppi politici, tra cui l’ex candidata alla presidenza Mirlande Manigat, avevano chiamato al boicottaggio delle elezioni ausèicando la formazione di un governo di transizione.

Aggiornamento: Jude Celestin e Jean Charles Moïse,candidati dell’opposizione, denunciano brogli 

Aggiornamento 5/11/15: mancano poche ore alla diffusione dei risultati provvisori e i candidati alla presidenza che chiedono una commissione indipendente sono 8: Sauveur Pierre Etienne, Moise Jean-Charles, Jude Celestin, Jean-Henry Ceant, Steeven Benoit, Charles Henry Baker, Eric Jean-Baptiste y Samuel Madistin. Praticamente tutti i principali candidati dell’opposizione.

Tagged with: