Da qualche giorno il sito www.bicitalia.org offre una stupenda mappa con tutti i percorsi ciclabili più interessanti d’Italia. Ci sono indicati 18 itinerari nazionali per un totale di 18.000 km. Un’ottima cosa, se consideriamo che il turismo su due ruote è sempre di più in crescita e rappresenta un’alternativa valida ad altri ben più costosi e inquinanti. E’ stato calcolato che ha anche una grande ricaduta economica positiva sul territorio soprattutto per i piccoli esercenti.

Le rotte sono di grande interesse, dal Brennero a Santa Teresa di Gallura, oppure da Como a Brindisi, per capirci.

Ha attirato la mia attenzione l’itinerario 12, quello che collega Trieste a Savona con un percorso di 1.100 km; descrive il corridoio che percorre la pianura alta alla base di tutto l’arco alpino italiano dalla Val Rosandra presso Trieste al Colle di Cadibona, dove comincia l’Appennino.  Gli_itinerari_Bicitalia   Arrivato a Bergamo il percorso devia verso Lecco e poi Como e Varese. La mia attenzione è caduta sul fatto che Milano non risulti collegata a questa rotta se non attraverso Como. Conoscendo il territorio è facile vedere come si possa inserire un collegamento orizzontale tra il capoluogo lombardo e la zona dell’Adda passando lungo l’alzaia del Naviglio Martesana completamente riqualificata e ciclopedonale.

Dalla Martesana potrebbe passare itinerari che collegano Torino – Milano – Verona – Trieste sicuramente molto interessante e che avrebbe una parte del fascino della Ciclovia del Po (Eurovelo 8) e delle città d’arte dell’alta Pianura Padana. Potrebbe essere un’ottima proposta da portare avanti per, e soprattutto dopo, Expo. Una forma per valorizzare il territorio e portare nuovi visitatori.

Tagged with:
 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *