Circa una decina di giorni fa al confine tra Messico e Texas, nelle vicinanze della città Rio Grande hanno iniziato ad arrivare grandi gruppi di migranti, in grande maggioranza haitiani, con l’intento di entrare negli Stati Uniti.

In pochi giorni si contano circa 15.000 persone. “La maggior parte delle persone che sono a Del Rio sono persone che sono state in Messico per molto tempo, ma in altre città, ad esempio Tijuana”, ha detto Guerline Jozef, co-fondatore dell’Haitian Bridge Alliance, un gruppo di difesa che è stato creato dopo l’ultima crisi migratoria haitiana lungo il confine meridionale degli Stati Uniti. “Ci sono molte voci secondo cui se vai a Del Rio, potresti essere in grado di accedervi, quindi la gente ha appena inondato Del Rio”.

La crisi ha raggiunto un livello di interesse nazionale. Venerdì, la Federal Aviation Administration ha imposto una restrizione di volo di due settimane sul ponte dopo che le foto aeree sono apparse in televisione e sui social media della ressa di persone sotto il ponte che vivevano in condizioni squallide. La decisione significa che le agenzie di stampa non possono pilotare droni per catturare immagini poiché attivisti e autorità affermano che i numeri sono in crescita.

Molti dei migranti haitiani sono rimasti bloccati in Messico per anni dopo aver effettuato il pericoloso viaggio attraverso le giungle del Sud America dal Brasile e dal Cile . Altri sono rimasti bloccati a Panama, in Nicaragua e in altre nazioni dell’America centrale dopo aver fatto quello che è diventato “un viaggio sempre più difficile con persone che sanno che stai viaggiando con soldi, con persone che vengono uccise e rapite”.

Le interviste ai migranti che arrivano a Del Rio e a Ciudad Acuña, la città messicana dall’altra parte del confine, rivelano che sono guidati da voci secondo cui se si recano al porto di ingresso del Texas, “potrebbero avere accesso a protezione.”

Con tutte le persone che stanno attraversando, le autorità su entrambi i lati dei confini non sono “ben attrezzate” per gestire quella che è una situazione difficile, ha detto un funzionario dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni delle Nazioni Unite.

I migranti haitiani hanno continuato a guadare il Rio Grande lunedì per attraversare gli Stati Uniti dal Messico, mentre il segretario del Dipartimento della Patria Alejandro Mayorkas si è recato in questa città di confine per avvertire che i rimpatri continueranno nonostante una recente sentenza del tribunale. Nel frattempo da domenica sono iniziati i voli di rimpatrio forzato verso Haiti, procedimento che era stato sospeso dopo il terremoto del 14 agosto scorso.

I media USA hanno diffuso le terribili immagini delle guardie a cavallo statunitensi che cercano di impedire l’accesso negli Stati Uniti mentre inseguono i migranti utilizzando anche le fruste.

Ricordiamo che Haiti ha vissuto tempi molto convulsi ultimamente, a luglio è stato ucciso il presidente, ad agosto un terremoto nel sud del paese ha portato oltre 2.200 morti e un successivo uragano ha colpito ulteriormente la popolazione.

Per chi vuole approfondire le informazioni su Haiti consiglio il testo edito da People: HAITI: IL TERREMOTO SENZA FINE.

Tagged with:
 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.